MYllennium Award 2021: il contest che valorizza i talenti under 30

Si rivolge ai millennials il primo contest italiano che valorizza i giovani talenti: il MYllennium Award è giunto alla settima edizione.

É giunto alla sua settima edizione il MYllennium Award, promosso dalla Fondazione Raffaele Barletta, che mette in palio un premio multidisciplinare. Lo scopo della manifestazione rivolta alla Generazione Y, i nati tra gli anni ’80 e i primi anni 2000, è quello di stimolare i progetti più originali e innovativi.

PREMI E OPPORTUNITÁ

Durante le prime sei edizioni sono stati premiati 200 giovani provenienti da tutta Italia, con riconoscimenti in denaro, ma anche attraverso opportunità concrete di tipo formativo e professionale. Sarà possibile iscriversi al contest fino al 10 maggio 2021, mentre la premiazione si terrà il 7 luglio 2021 a Roma, presso Villa Medici. Ai migliori progetti verranno assegnati premi in denaro fino a 20mila euro e borse di studio per master e corsi. Inoltre i progetti selezionati avranno la possibilità di comparire in pubblicazioni e presentazioni specifiche del loro campo.

Il MYllennial Awards infatti si articola in 9 sezioni: saggistica, start-up, giornalismo, opportunità di formazione e lavoro, architettura e Street Art, cinema, musica, sport, progetti di impresa rivolti ad aziende con alto impatto sociale sulla comunità.
Le parole chiave per vincere il premio sono: salute, cambiamento climatico, energia pulita, istruzione di qualità, circular economy, cibo e agricoltura.

Un Comitato Tecnico Scientifico selezionerà i finalisti. Per ogni progetto (inchiesta, saggio o video) a seconda della categoria sarà attribuito un voto, sulla base del punteggio complessivo ottenuto da ciascuna proposta verrà predisposta una classifica di finalisti.

Per partecipare al contest MYllennium Award 2021 i candidati dovranno presentare la domanda d’iscrizione, collegandosi al sito web del contest, selezionare la categoria di proprio interesse e compilare l’apposito form.

Total
1
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Medici specializzandi, l'allarme di Sileri: "Aumentare le borse di studio non basta"

Next Article

Il Coronavirus cambia anche la gita scolastica: studenti in viaggio con la realtà aumentata

Related Posts
Leggi di più

Erasmus+, un partecipante su tre trova lavoro all’estero dopo il tirocinio

I dati di un'indagine svolta dall’Agenzia nazionale Erasmus+ evidenziano come oltre il 30% dei partecipanti ai programmi di formazione fuori dai confini italiani alla fine del percorso siano riusciti ad inserirsi nel mondo del lavoro dei paesi ospitanti. Quest'anno sono già 457 i progetti di mobilità individuale ricevuti.
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.
Leggi di più

Smart working, dopo giugno solo il 15% delle imprese permetterà il lavoro a distanza in una città diversa dalla sede aziendale

Secondo un'indagine dell'Associazione italiana per la direzione del personale quasi 9 aziende su 10 sono disponibili ad utilizzare il lavoro da remoto dopo la deadline del 30 giugno. Solo il 15% però è disposto a far lavorare gli smartworker nelle loro città di origine. Una scelta che potrebbe penalizzare soprattutto i laureati del sud.