Musella: didattica e città

“Didattica, internazionalizzazione e apertura alla città”: il messaggio del neo Preside di Scienze Politiche Musella

Il Prof. Marco Musella Ordinario di Economia Politica presso la Federico II di Napoli, è stato eletto Preside della Facoltà di Scienze Politiche.
Professore ordinario dal 2002, Musella è stato Direttore del dipartimento di Teoria Economica e Applicazioni dal 2004 al 2007 e da allora (fino alla proclamazione attuale) ha ricoperto la carica di Presidente del Corso di Laurea in Scienze Politiche. Il neo Preside eletto con 39 voti su 64 votanti, siederà in cattedra a via Rodinò a partire dal prossimo 1° novembre e subentra al collega Raffaele Feola.
Professore, quali saranno le linee guida della sua “politica” in presidenza?
Innanzitutto continuare a tenere aperti i molteplici percorsi di studio e andare sempre a fondo nelle questioni culturali; in secondo luogo avere maggiore apertura nei confronti delle istituzioni per garantire collaborazioni fruttuose dal punto di vista culturale e didattico e avere un confronto diretto con la città di Napoli. Terzo punto, ma non meno importante, migliorare l’internazionalizzazione”.
Quali le novità dell’offerta formativa per lo studente di Scienze Politiche?
Un’offerta formativa competitiva e di qualità. Anche se i Presidi non intervengono direttamente sulla materia sarà mio scopo rivedere il coordinamento e riorganizzare le risorse per tutelare gli studenti della Facoltà”.
Un primo messaggio agli studenti.
Studiare in modo intelligente ed essere sempre aperti alle nuove conoscenze. Non serve passare ore e ore sui libri se non si sfruttano tutte le opportunità messe a disposizione dall’ateneo e dalla facoltà”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Ho scelto Scienze Politiche perchè...

Next Article

Lasciapassare francese per i ricercatori

Related Posts
Leggi di più

Green pass, Corte Costituzionale boccia il conflitto di attribuzione sollevato da 27mila docenti e studenti

Un avvocato e docente universitario genovese - in proprio e in qualità di rappresentante di 27.252 docenti, studenti e membri del personale scolastico e universitario - aveva sollevato il conflitto sull'omesso esame di una petizione in cui si chiedeva di non convertire in legge il decreto-legge che ha introdotto l’obbligo di green pass nelle scuole e nelle Università. La Corte: "I firmatari di una petizione non sono titolari di funzioni costituzionali"