Mtv, ecco le tre proposte legge

mtv.jpgFinalmente è arrivato il loro momento. Quello di farsi sentire e di essere i principali fautori di un cambiamento che si vuole far partire dal basso. Valorizzazione del merito, scambi con l’estero, incentivi per promuovere affitti: sono le indicazioni che emergono dalle proposte di legge scritte dagli studenti per cambiare l’Università e finaliste del concorso “Tocca a noi” indetto da Mtv.

Un anno di lavoro e il primo step è stato raggiunto. Con il supporto di un professore di diritto costituzionale sono stati scelti i progetti di tre atenei, che hanno “dettato legge” nella materia Scuola e Università.

Al momento infatti non ci sono solo le idee, ma anche le tre università finaliste: Milano Bicocca, Cagliari e Bologna. Milano Bicocca propone la valorizzazione del merito, le politiche di sostegno agli studenti e gli incentivi alla mobilità sociale; Cagliari pone al centro dell’interesse gli scambi con l’estero, l’educazione alla cittadinanza europea e i tirocini; Bologna propone carte dei servizi, incentivi ai proprietari di immobili che affittano ai fuori sede e conciliazione di tempo studio e tempo lavoro.

La campagna di adesioni si è svolta via web e tv ed ha potuto contare sul contributo di artisti come Jovanotti, J-Ax, Marracash, Giusy Ferreri e Le Vibrazioni. Per la promozione dell’evento Mtv è anche scesa in campo in prima persona. È stato, ad esempio, Guido Rossi, responsabile outdoor events Mtv, a presentare durante lo Yif, lo Young International Forum rivolto ai ragazzi in cerca del proprio futuro, l’iniziativa popolare.

Le proposte ora aspettano di essere sottoposte agli utenti del di Mtv, che potranno indicare da venerdì 12 e direttamente sul sito di Mtv Italia quale portare alla firma popolare e che tipo di modifiche applicare. Una volta terminata tale fase le università di riferimento elaboreranno il testo definitivo della proposta di legge.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Sapienza militarizzata per GheddafiFrati: "Ateneo moderna agorà"

Next Article

Attività di promozione 5 posti a Napoli

Related Posts
Strage ustica revisionismo a scuola
Leggi di più

Strage di Ustica, il revisionismo sbarca a scuola

Il Ministero dell'Istruzione ha accreditato l'associazione dell'ex ministro Giovanrdi che sostiene la tesi della bomba a bordo del volo che il 27 giugno 1980 provocò la morte di 81 persone.