Monti ad ItaliaCamp: “Troppi professori sordi al cambiamento”

Prima scherza sulla parola “palindromo”, che per molti italiani potrebbe tranquillamente essere sostituita con quella di “palinsesto”, e poi va  diritto su tre temi fondamentali: merito, corporativismo e idee.

Mario Monti a Verona, duranti gli Sati generali del Centro Nord, organizzati da ItaliaCamp,  usa un po’  la carota e un po’  il bastone. Ringrazia i giovani, per lui veri attori del cambiamento, che con oltre 700 idee di innovazione e ricerca stanno cercando di migliorare il Paese, e poi ammonisce professori e docenti universitari, troppo chiusi secondo il Presidente in vecchi corporativismi.

  Parte dal merito Monti: “Chi crede nel merito non ha paura del confronto e considera la diversità un arricchimento ed incoraggia la trasparenza”, per poi rivolgersi al mondo della scuola e della formazione. Il presidente bacchetta il Paese  e il suo scivolamento verso ordini troppo chiusi in se stessi e intrappolati nei propri interessi. “Le corporazioni  – sottolinea – hanno rappresentato l’unico accesso alle professioni. Oggi il corporativismo è anacronistico”.

Un atteggiamento, che secondo Monti, si annida anche nella scuola. “I professori mi contestano – precisa –  ma conservare lo stato delle cose non serve a nulla, molti docenti sono sordi a qualsiasi cambiamento”. A farne le spese secondo il primo ministro  sarebbero i giovani “vittime di tutto quello che non va bene in Italia”. La scuola invocata è invece  “una scuola non ideologica e aperta la cambiamento”.

 Ma il premier si dice anche pronto ad “ascoltare le istanze dei docenti senza strumentalizzazioni e senza corporativismo. Tutti devono partecipare allo sforzo e mettersi in discussione”.

Un ammonimento che infine rivolge anche  al mondo universitario, “un luogo dove a volte si annida troppo potere”. “Noi sappiamo –  che molti mali dell’economia nascono quando chi produce gode di monopoli e di mancata trasparenza. Per questo occorre che, anche negli atenei, i professori si sottopongano a continua revisione”.

a[email protected]

 (inviata a Verona)

 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

I giovani si riprendono il Paese: a Verona gli stati generali del Centronord

Next Article

La discarica della morte: si allunga la lista nera

Related Posts
Leggi di più

“Vietato salire sull’aereo con i ventilatori polmonari”: Ryanair nega il volo a una dottoranda che deve andare a discutere la tesi

L'incredibile storia capitata a Paola Tricomi, studentessa siciliana della Normale di Pisa che tra qualche giorno dovrà discutere la tesi di dottorato. La compagnia aerea le ha negato la possibilità portare a bordo i due ventilatori polmonari che le servono per respirare. Dopo la mobilitazione sul web la società irlandese ha fatto marcia indietro: "E' stato un equivoco".
Leggi di più

Ucraina, niente vacanze estive per gli studenti di Mariupol: “Russi iniziano la loro propaganda a scuola”

L'occupazione russa della città simbolo della guerra in Ucraina comincia ad avere le prime ripercussioni: gli studenti non faranno le vacanze estive e andranno a scuola fino al 1 settembre. Secondo il governo di Kiev l'esercito di Putin vuole de-ucrainizzare gli scolari e prepararli al curriculum russo che dovranno studiare il prossimo anno scolastico.