Montepremi da oltre un milione di euro: ecco il Premio Gaetano Marzotto per le imprese innovative

140416122080_premio_gaetano_marzotto_2014

Un milione di euro per le migliori giovani Start Up italiane: al via la quarta edizione del Premio Gaetano Marzotto.

Pubblicato il bando del quarto Premio Gaetano Marzotto: in palio 300 mila euro in denaro alla migliore impresa; 50 mila euro al progetto di Start Up più innovativo e percorsi di affiancamento per un valore complessivo che supera i 700 mila euro.

Il Premio Gaetano Marzotto cerca nuovi imprenditori e costruttori di futuro che siano in grado di far convivere innovazione, impresa e società. Le migliori proposte verranno premiate con riconoscimenti in denaro e periodi di formazione con tutoring e mentoring dedicati. Il Premio, che ha una durata decennale, vuole contribuire a creare una piattaforma dell’innovazione italiana.

L’obiettivo del Premio Gaetano Marzotto è di individuare e sostenere i progetti imprenditoriali più promettenti creando opportunità di incontro tra l’ecosistema dell’innovazione e il sistema industriale e produttivo italiano. Il Premio vuole creare le condizioni ambientali per un cambio di paradigma, sostenendo in Italia la nascita di una nuova impresa.

Le iscrizioni al Premio sono aperte fino al 18 Giugno. A questo link trovate i bandi ufficiali. Maggiori informazioni sul portale dedicato al Premio Gaetano Marzotto.

Il Premio Gaetano Marzotto, voluto da Giannino Marzotto, fa parte delle attività promosse da AssociazioneProgetto Marzotto che lo stesso Giannino ha fondato nel 2010 ispirandosi alla figura di Gaetano Marzotto, imprenditore di riferimento del Novecento, che ha saputo unire impresa e società, cultura e territorio.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

LA CLASSIFICA - "Happy" spopola in tutte le Università del mondo: ecco i video

Next Article

Cultura classica e nativi digitali: quali sfide?

Related Posts
Leggi di più

Salario minimo, cos’è e perché ce lo chiede l’UE

A riporta in auge il tema è una proposta rilanciata da Partito democratico e Movimento 5 Stelle. Tranne timide eccezioni, l'idea non sembra però raccogliere l'entusiasmo né delle parti sociali, né degli altri partiti di maggioranza. Eppure allargando lo sguardo, solo sei Paesi europei, Italia compresa, non possiedono una normativa del genere.