Miur, la scuola si rinnova con l’Agenda Digitale

Nonostante la difficile situazione che il Paese sta vivendo, il Ministero dell’Istruzione sta puntando ad un processo di modernizzazione, attraverso l’Agenda digitale.

Nonostante la difficile situazione che il Paese sta vivendo, il Ministero dell’Istruzione sta puntando ad un processo di modernizzazione, attraverso l’Agenda digitale: «Io credo – ha detto il ministro dell’Istruzione Francesco Profumo – che esistano alcune strade che valga la pena percorrere».  E l’Agenda digitale italiana potrebbe essere «una grande occasione per guardare all’obiettivo di contenimento della spesa con le lenti del piano economico-patrimoniale e non con quelle della mera contabilità di Stato».

«Gli obiettivi di riconfigurazione strutturale della macchina pubblica e della sua riconduzione ad efficienza attraverso la digitalizzazione dei suoi processi – ha detto – sono a mio parere così prossimi nel tempo da consentirci di immaginare un piano di investimenti specifici all’Agenda Digitale compatibili con l’attuale situazione di finanza pubblica».

Tra i progetti in partenza: Scuola in Chiaro open data, che intende rendere pubblicamente accessibili i dati sulla scuola italiana e Smart cities. L’obiettivo ultimo, ha concluso il ministro, è fare dell’Agenda digitale «uno strumento non solo di innovazione tecnologica, ma anche sociale, e che dia un contributo reale al miglioramento della qualità di vita dei cittadini».

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Premi per le migliori tesi

Next Article

Parigi e lo sport, conferenza a Roma Tre

Related Posts
Leggi di più

Tamponi a scuola, dal Governo arriveranno 92 milioni di euro ma i presidi attaccano ancora: “Le Asl non sono in grado di tracciare i contagi in classe”

Continua lo scontro tra il Ministero dell'Istruzione e i dirigenti scolastici ormai stremati dall'enorme carico di lavoro dovuto alla gestione dei casi Covid all'interno dei loro istituti. La sottosegretaria Barbara Floridia promette procedure più snelle e nuove risorse per far fronte all'emergenza. Giannelli (Anp): "Presidi ormai allo stremo".
Leggi di più

Si studiano le materie STEM e solo per quattro anni: nasce il Liceo per la Transizione ecologica e digitale

Si chiamerà T.E.D. ed è il nuovo liceo pensato dal Ministero dell'Istruzione per formare e preparare i ragazzi alle sfide che la transizione ecologica e digitale impone anche nel nostro Paese. Le scuole interessate da questa novità sono 27 in tutta Italia e collaboreranno con le università e le aziende del Consorzio Elis. Per iscriversi c'è tempo fino al 28 gennaio.