MIUR, istituito un Osservatorio nazionale per l’integrazione degli alunni stranieri e per l’intercultura

1_studente-straniero

Un Osservatorio nazionale per l’integrazione degli alunni stranieri e per l’intercultura. A istituirlo, tramite un apposito decreto, il Ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca Stefania Giannini con l’obiettivo di individuare soluzioni per un effettivo adeguamento delle politiche di integrazione scolastiche alle reali esigenze di una società sempre più multiculturale e in costante trasformazione. L’Osservatorio avrà compiti consultivi e propositivi. Dovrà, in particolare, promuovere e “suggerire” politiche scolastiche per l’integrazione degli alunni con cittadinanza non italiana e verificarne la loro attuazione (anche tramite monitoraggi), incoraggiare accordi interistituzionali e favorire la sperimentazione e l’innovazione metodologica didattica e disciplinare. Tra i compiti dell’Osservatorio anche quello di esprimere pareri e formulare proposte su iniziative normative e amministrative di competenza del Miur.

L’Osservatorio è presieduto dal Ministro o dal Sottosegretario con delega alle tematiche dell’integrazione. E’ composto da rappresentanti degli istituti di ricerca, associazioni ed enti di rilievo nazionale impegnati nel settore dell’integrazione degli alunni stranieri e dell’intercultura. Ma anche da esperti del mondo accademico, culturale e sociale e da dirigenti scolastici.

I componenti, che rimarranno in carica per tre anni, sono:

–          Giovanna Zincone, Presidente FIERI (Forum internazionale ed europeo di ricerche sull’immigrazione),Torino;

–          Vincenzo Cesareo, Segretario generale della Fondazione ISMU (Iniziative e studi sulla multietnicità), Milano;

–          Mohamed Tailmoun, Portavoce della Rete G2, Seconde Generazioni;

–          Graziella Favaro, Coordinatrice della Rete nazionale dei Centri interculturali;

–          Fiorella Farinelli, Comitato scientifico Rete scuole migranti, Roma;

–          Don Francesco Soddu, Direttore di CARITAS Italiana;

–          Daniela Pompei, Responsabile immigrazione, Comunità S. Egidio;

–          Raffaela Milano, Direttore di Save the Children;

–          Davide Usai, Direttore dell’Unicef;

–          Vincenzo Spadafora, Garante per l’infanzia e l’adolescenza;

–          Maria Assunta Rosa, Direzione Centrale per le politiche dell’immigrazione e dell’asilo, Ministero dell’interno;

–          Raffaele Tangorra, Direttore generale per l’inclusione e le politiche sociali, Ministero del lavoro;

–          Natale Forlani, Direttore generale per l’immigrazione, Ministero del lavoro;

–          Marco De Giorgi, Direttore Unar, (Ufficio nazionale antidiscriminazioni razziali), Presidenza del Consiglio dei Ministri;

–          Roberto Gontero, Coordinatore del Forum nazionale delle associazioni dei genitori;

–          Camilla Orlandi, responsabile Ufficio Immigrazione, ANCI;

–          Concetta Mascali, Dirigente Scolastico Istituto Comprensivo “Regio Parco”, Torino;

–          Michele Raggi, Dirigente Scolastico, Istituto Comprensivo Centro Storico, Genova;

–          Mario Uboldi, Dirigente Scolastico Istituto Comprensivo di via Giacosa, Milano;

–          Anna Maria Tamiozzo, Dirigente Scolastico dell’Istituto Comprensivo 2 Alte Ceccato di Montecchio (Vicenza);

–          Paola Estori, Dirigente Scolastico, Istituto Comprensivo “Marco Polo”, Trieste;

–          Chiara Brescianini, Dirigente Scolastico, Direzione Didattica n.1, Modena;

–          Maria Grazia Ciambellotti, Dirigente Scolastico, Istituto Comprensivo “Don Milani”, Prato;

–          Cinzia Fabrizi, Dirigente Scolastico dell’Istituto Industriale Statale Allievi-Sangallo, Terni;

–          Elisabetta Micciarelli, Dirigente Scolastico, Istituto Comprensivo “Grazie Tavenelle”, Ancona;

–          Paolo Pedullà, Dirigente Scolastico IPSIA “C. Cattaneo”, Roma.

 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Prof Universitari in rivolta contro i blocchi: "Pronti a fermare le sessioni di laurea"

Next Article

Gli studenti all'attacco: "Ancora tagli: E' questa l'Università di Renzi e Giannini?"

Related Posts
Leggi di più

Seggi elettorali, Cittadinanzattiva: “L’88% ancora nelle aule. E la maggior parte dei comuni non vuole spostarli”. L’appello

Le amministrazioni che hanno deciso di continuare a votare nelle scuole lo fanno per diversi motivi. In primis, la mancanza di luoghi pubblici o privati aventi le caratteristiche richieste. Cioè: senza barriere architettoniche, con servizi igienici e spazi per alloggiare le forze dell'ordine e in prossimità dell’elettorato resident