Miur: false voci sulla chiusura dell’Istituto Rossellini

“L’Istituto Rossellini non è affatto stato cancellato”. Prive di fondamento sembrerebbero le voci di una presunta chiusura dell’Istituto di Stato per la cinematografia e la televisione. A dichiaralo in una nota è il Miur.

“L’Istituto Rossellini non è affatto stato cancellato”. Prive di fondamento sembrerebbero le voci di una presunta chiusura dell’Istituto di Stato per la cinematografia e la televisione. A dichiaralo in una nota è il Miur.
“Sulla base delle scelte di programmazione compiute dalla Regione Lazio, sostenute dai contributi nazionali del Miur,  – sottolinea il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca  – la scuola è infatti diventata l’ente di riferimento della prima “Scuola speciale di Tecnologia”, costituita il 12 luglio 2010, con personalità giuridica nazionale, denominata Istituto tecnico superiore per le Nuove tecnologie dell’informazione e della comunicazione”.
“Nel quadro della riforma dell’ordinamento degli istituti professionali, – si apprende dal comunicato – i corsi del Cine TV sono confluiti prevalentemente nel settore Industria e artigianato, indirizzo Produzioni industriali per quanto riguarda il Tecnico dell’industria audiovisiva e il Tecnico dell’immagine fotografica; nel settore dei Servizi, indirizzo Servizi commerciali, per quanto riguarda il Tecnico della grafica pubblicitaria”. “Con questa nuova riorganizzazione, – conclude – il patrimonio di esperienza dell’istituto Rossellini in ambito nazionale e internazionale sarà pienamente valorizzato”.
a.d.r.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Napoli: protesta nazionale

Next Article

Domenica in Accademia

Related Posts
Leggi di più

“Foto osé in cambio della sufficienza”: chiuse le indagini nei confronti del prof di matematica. Nei guai anche la preside che non denunciò

La Procura di Cosenza ha chiuso le indagini preliminari sul caso delle presunte molestie al liceo "Valentini-Majorana" di Castrolibero. Il docente accusato di violenza sessuale, tentata violenza sessuale, molestie sessuali e tentata estorsione. In un caso chiese a una ragazza di scattarsi una foto del seno se voleva ottenere il 6 nella sua materia.