Domenica in Accademia

L’Accademia di Belle Arti di Napoli riapre le sue porte con la seconda edizione della rassegna “L’ACCADEMIA SVELATA”.

L’Accademia di Belle Arti di Napoli riapre oggi le sue porte con la seconda edizione della rassegna “L’ACCADEMIA SVELATA. Tra artisti di ieri, oggi e domani…alla scoperta dei tesori dell’Accademia di Belle Arti di Napoli”.
In calendario ogni domenica di fine mese tante iniziative tra le sale della Pinacoteca e quelle della Gipsoteca, i laboratori dei maestri dell’Accademia e la Galleria del Giardino: incontri, visite guidate, momenti musicali e di spettacolo, letture, laboratori didattici e aperitivi.Ecco il programma di oggi:
Ore 11.00: “Composizione”: laboratorio didattico creativo. Per bambini 5-10 anni. Il laboratorio (carta scenografica, matite, piatti di plastica, posate di plastica, bicchieri di plastica, nastro biadesivo) si ispira al processo del ready-made che sin dagli anni ’60 gli artisti neo dada sperimentarono. Il ready-made è un comune manufatto di uso quotidiano come un piatto o una bottiglia che assurge ad opera d’arte una volta prelevato dall’artista e posto così com’è in una situazione diversa da quella di utilizzo, che gli sarebbe propria. I bambini si ispireranno al lavoro dello scultore inglese Tony Cragg che negli anni ’80 realizza una serie di lavori con piatti e oggetti colorati. Lo scopo del laboratorio didattico è sviluppare la creatività attraverso materiali di uso comune esorcizzando il mero significato dell’ oggetto di largo consumo.
Ore 12.00: concerto a cura del Conservatorio San Pietro a Majella di Napoli: il duo chitarra-flauto composto da Antonio Altieri e Maria Gargiulo esegue musiche di. A. Piazzolla, M. D Pujol, M. Giuliani.
Ore 13.00: aperitivo offerto dal Consorzio Centro Antico.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Miur: false voci sulla chiusura dell’Istituto Rossellini

Next Article

Ancora tagli alla Cattolica. Ornaghi: “noi i più colpiti”

Related Posts
Leggi di più

Rientro dei cervelli in fuga, la ministra Messa ci crede: “Abbiamo messo sul piatto 600 milioni di euro”

In Senato la ministra dell'Università ha confermato l'importante stanziamento del Governo grazie ai fondi del PNRR riguardo al programma di rientro dei ricercatori italiani che sono andati a lavorare all'estero. E sul no della Gran Bretagna per il visto speciale per i nostri laureati: "Noi siamo diversi da loro e accogliamo chiunque abbia le capacità di innovare".