Missing a Yale, studentessa scomparsa

yale.jpgS’infittisce negli Stati Uniti il mistero sulla studentessa dell’Università di Yale scomparsa da una settimana, Anne Marie Le, 24 anni: nel laboratorio dove è stata vista entrare prima che si perdessero le sue tracce, sono stati rivenuti abiti sporchi di sangue.
La polizia non esclude che la ragazza possa essere stata uccisa, anche se non conferma che quegli abiti siano suoi. «Sono in corso accertamenti», si è limitata a riferire la portavoce dell’Fbi, Kim Merz. La studentessa si doveva sposare ieri, 13 settembre, a New York.
Di Anne Marie, origini cinesi, non si hanno più notizie da martedì scorso, quando fu vista entrare per l’ultima volta in uno dei laboratori scientifici dell’Università. Gli investigatori hanno già ritrovato la sua borsa, che conteneva molti, se non tutti i suoi oggetti personali: telefonino, carta di credito, patente. Tutto apparentemente in ordine.
La polizia e l’Fbi, che indagano sul caso, hanno riferito in una conferenza stampa che gli abiti trovati nel laboratorio sono sporchi di sangue, ma non hanno confermato che siano quelli della studentessa. È stata offerta una ricompensa di 10mila dollari a chi fornirà informazioni utili all’indagine. Sono già state interrogate una decina di persone.

Manuel Massimo 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Miur: tempo pieno, crescita record

Next Article

Sun, tra Napoli e Caserta l'Ingegneria è di alto livello

Related Posts
Leggi di più

“Vietato salire sull’aereo con i ventilatori polmonari”: Ryanair nega il volo a una dottoranda che deve andare a discutere la tesi

L'incredibile storia capitata a Paola Tricomi, studentessa siciliana della Normale di Pisa che tra qualche giorno dovrà discutere la tesi di dottorato. La compagnia aerea le ha negato la possibilità portare a bordo i due ventilatori polmonari che le servono per respirare. Dopo la mobilitazione sul web la società irlandese ha fatto marcia indietro: "E' stato un equivoco".
Leggi di più

Ucraina, niente vacanze estive per gli studenti di Mariupol: “Russi iniziano la loro propaganda a scuola”

L'occupazione russa della città simbolo della guerra in Ucraina comincia ad avere le prime ripercussioni: gli studenti non faranno le vacanze estive e andranno a scuola fino al 1 settembre. Secondo il governo di Kiev l'esercito di Putin vuole de-ucrainizzare gli scolari e prepararli al curriculum russo che dovranno studiare il prossimo anno scolastico.