Miur: tempo pieno, crescita record

campanella.gifIl ministero dell’Istruzione conferma «l’incremento delle classi a tempo pieno che quest’anno è stato doppio rispetto all’andamento riscontrato negli ultimi anni. Un incremento che ha portato 2.191 nuove classi sui cinque anni di corso, 1.505 delle quali solo nel primo anno. Una crescita del genere non si era mai registrata nel corso degli ultimi dieci anni».
Sono il Dipartimento della Programmazione e il Dipartimento dell’Istruzione del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca a confermare «i dati forniti durante la Conferenza stampa e dall’Ufficio Stampa», riferendosi «ad alcune dichiarazioni da parte di esponenti del sindacato apparse sulle agenzie di stampa».
«Indipendentemente dai diversi modelli orari (24,27,30 ore), con l’avvio del nuovo anno scolastico, l’assetto pedagogico, didattico e organizzativo delle prime classi della scuola elementare viene caratterizzato dal modello del maestro unico/prevalente. Si tratta – viene rilevato – di una figura di riferimento che, nell’esercizio di una responsabilità condivisa, assume un ruolo di coordinamento della relazione educativa nei riguardi del singolo alunno e della classe nel suo insieme, nei rapporti con le famiglie, nell’assunzione dell’impegno di istruzione ed educazione».
Il modello del maestro unico/prevalente «contraddistingue le diverse articolazioni orarie della scuola elementare (24, 27, 30, 40 ore), nel rispetto delle richieste delle famiglie e dell’esercizio dell’autonomia delle istituzioni scolastiche che consente loro, nell’ambito dell’organico assegnato, di organizzare l’azione didattica con l’obiettivo prioritario di garantire la qualità del servizio».

Manuel Massimo

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Un direttore amministrativo per la Ca' Foscari

Next Article

Missing a Yale, studentessa scomparsa

Related Posts
Leggi di più

Napoli, nasce la Scuola dei Maestri di Strada

È un progetto sociale che mette alla prova il contratto fra le generazioni. L'inclusione sociale implica un cambiamento dell'intera struttura sociale", spiega Cesare Moreno, presidente di Maestri di Strada onlus.