Il ministro incontra le associazioni studentesche: “#labuonascuola si costruisce insieme”

giannini_rimini

“L’incontro con le associazioni studentesche è stato positivo: #labuonascuola che uscirà dalla consultazione accoglierà proposte e critiche”. E’ questo il commento del ministro dell’Istruzione Stefania Giannini a margine del confronto con il forum delle associazioni studentesche al MIUR. Le 7 associazioni hanno infatti realizzato un documento condiviso riassumendo i 5 punti d’incontro raggiunti e proponendoli al ministro.

“La consultazione non è finita” – ha esordito il ministro durante l’incontro. “Al termine dei due mesi il governo presenterà una proposta aggiornata con le osservazioni emerse durante il confronto”.

Giannini, come confermano gli studenti del MSAC, ha smentito ogni intenzione di “privatizzare l’istruzione” : “La buona scuola parla di attrarre risorse per le scuole anche dai privati, non di consentire ai privati le decisioni sulla governance delle scuole”.

Diritto allo studio, riforma dei cicli, valutazione e carriera degli insegnanti: tanti i temi toccati durante l’incontro con le associazioni. “Il ministro ha replicato a lungo a tutte le nostre osservazioni, dimostrando uno spirito aperto al dialogo – raccontano i ragazzi del MSAC. Per prima cosa ha sottolineato l’impegno del governo nel dare finalmente piùrisorse alla scuola, come definito dalla proposta di legge finanziaria pubblicata mercoledì 15 ottobre (vedi foto: 1 miliardo di € per il 2015 e 3 miliardi a partire dal 2016″.

ForumStudIl ministro ha poi confermato la volontà di potenziare l’alternanza scuola-lavoro, puntando sul saper fare, ripensando anche il sistema stesso della formazione professionale. Infine, la proposta di rafforzare le competenze antiche del nostro Paese, quali la storia dell’arte e la musica, ad esempio, senza dimenticarsi di inglese e informatica, già a partire dalla scuola primaria.

“Siamo molto soddisfatti dell’incontro – commentano gli studenti – .Negli ultimi anni, mai un confronto con un ministro era stato tanto aperto e ampio. Per noi è solo l’inizio, ma un buon inizio”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Si chiude lo Yif, Berriola: "4 punti per rimettere in moto i giovani"

Next Article

Il MIUR attiva una task force per le zone alluvionate

Related Posts
Leggi di più

Un’intera classe in sciopero contro il compagno bullo. I genitori: “Da due anni i nostri bambini vivono in un incubo”

Scoppia la protesta contro il bullismo in un istituto di Jesi, in provincia di Ancona. Quattordici genitori decidono di non mandare più i loro figli a scuola per la presenza di un bambino che avrebbe atteggiamenti violenti contro di loro, denunciando denti rotti, Amuchina negli occhi, insulti e minacce. La preside: "Problema c'è ma è stato ingigantito".