Minaccia di togliersi la vita davanti alla Fornero

Durante la conferenza su occupazione giovanile a Napoli un uomo ha minacciato di tagliarsi le vene dinanzi al Ministro del Lavoro Elsa Fornero

 

Sconcertanti notizie dalla Mostra d’Oltremare di Napoli dove si tiene la conferenza di presentazione del progetto italo-tedesco per l’occupazione giovanile.
Pochi minuti fa un signore di mezz’età è entrato in sala e, dinanzi al Ministro del lavoro Elsa Fornero, ha minacciato di tagliarsi le vene. “No! La prego!!” ha esclamato il Ministro.

L’uomo con un pezzetto di vetro tra le mani, ha interrotto l’intervento del ministro attirando l’attenzione gridando, con la voce rotta dal pianto di volerle consegnare una lettera.

Suo figlio, 25 anni, diplomato, non ha un lavoro e che lui non sa più come fare.

La lettera, consegnata appena prima che gli uomini della sicurezza fermassero il pensionato, è firmata Maria.

Intanto il ministro ha detto: “Datemi la lettera. La leggerò” e commentato, dopo aver avuto la missiva: “Se è firmata Maria di certo non può essere il Signore”.

Total
0
Shares
4 comments
Lascia un commento
Previous Article

Australia, eclissi totale di sole: ecco come seguirla dall'Italia

Next Article

ESCLUSIVA. La voce dell'uomo che ha minacciato d'uccidersi davanti alla Fornero. AUDIO e VIDEO

Related Posts
Leggi di più

“Vietato salire sull’aereo con i ventilatori polmonari”: Ryanair nega il volo a una dottoranda che deve andare a discutere la tesi

L'incredibile storia capitata a Paola Tricomi, studentessa siciliana della Normale di Pisa che tra qualche giorno dovrà discutere la tesi di dottorato. La compagnia aerea le ha negato la possibilità portare a bordo i due ventilatori polmonari che le servono per respirare. Dopo la mobilitazione sul web la società irlandese ha fatto marcia indietro: "E' stato un equivoco".
Leggi di più

Ucraina, niente vacanze estive per gli studenti di Mariupol: “Russi iniziano la loro propaganda a scuola”

L'occupazione russa della città simbolo della guerra in Ucraina comincia ad avere le prime ripercussioni: gli studenti non faranno le vacanze estive e andranno a scuola fino al 1 settembre. Secondo il governo di Kiev l'esercito di Putin vuole de-ucrainizzare gli scolari e prepararli al curriculum russo che dovranno studiare il prossimo anno scolastico.