Milano Expo, boom di studenti: 700 mila prenotati. Giannini: "Grande opportunità educativa"

“L’Expo è una grande occasione per il nostro Paese: porterà il mondo in Italia e gli italiani nel mondo, in un viaggio attraverso il cibo e il tema della nutrizione. Per la scuola sarà un’ottima opportunità educativa. Per questo da mesi siamo al lavoro per sostenere gli istituti che vogliono partecipare e recarsi a Milano. Grazie all’azione di sostegno e di diffusione delle informazioni attivate dal Miur, ad oggi abbiamo già 700.000 studenti prenotati. Mentre oltre 2 milioni di ragazzi hanno partecipato ai bandi di concorso tematici del nostro Ministero”. Così il Ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca Stefania Giannini in occasione dell’apertura dell’Expo 2015. “Nei prossimi giorni invieremo alle scuole anche le nuove Linee guida per l’alimentazione”.
La scuola ad Expo, dal primo giorno
Con l’inaugurazione dell’Expo il Ministro Stefania Giannini ha aperto anche il Vivaio Scuole dove, fino ad ottobre,736 istituti mostreranno le loro eccellenze. A inaugurare questo spazio, per primi, sono stati l’Istituto Majorana di Bari (con il progetto dal titolo “Beer with you”, realizzato in gemellaggio con una scuola belga) e l’Istituto Carlo Porta di Milano (con i lavori realizzati nell’ambito di un gemellaggio con il Brasile). Per la prima volta nella storia delle Esposizioni Universali, la scuola sarà davvero protagonista.
Intanto sono oltre 2 milioni gli studenti italiani e stranieri che hanno partecipato a “La Scuola per Expo 2015” e a “Together in Expo 2015 (#TIE2015)”, i due bandi di concorso indetti dal Miur. Circa 1.500 scuole hanno sviluppato progetti di narrazione e comunicazione nel segno del digitale grazie al concorso  “La Scuola per Expo 2015”.
Il progetto internazionale #TIE2015, associato al progetto digitale www.togetherinexpo2015.it, attivo dal 6 ottobre 2014 e fino al termine dell’Expo Milano 2015, ha invece visto fino ad oggi la partecipazione di quasi 1.700 classi di tutto il mondo al bando di concorso. Mentre la piattaforma web (fruibile in italiano, inglese e francese) ha permesso a studenti e insegnanti di attivare gemellaggi internazionali e di iniziare a lavorare e a collaborare insieme. Sono quasi 3.000 i docenti iscritti al portale Together in Expo e quasi 2.000 i team/classi provenienti da 65 paesi diversi che si sfidano quotidianamente all’interno della Community del sito, partecipando alle attività ludico-educative di edutainment e scambiandosi messaggi.
Il Miur ha attivato un sito ad hoc https://www.lascuolaversoexpo.it/ per fornire alle istituzioni scolastiche tutte le informazioni necessarie per partecipare all’Expo, le agevolazioni attive (il biglietto per gli studenti, anche universitari, costa 10 euro), gli accordi siglati con associazioni e altri partner, come Confindustria o Coni, per portare i ragazzi all’Esposizione universale all’interno di percorsi didattici mirati fra sport, educazione alla salute e alternanza scuola-lavoro.
Accademie e Conservatori per Expo
Il Padiglione Italia ospiterà i Conservatori italiani per tre momenti musicali al giorno. Anche le Accademie di Belle Arti, l’Accademia Nazionale di Danza e l’Accademia di arte drammatica “Silvio D’Amico”, metteranno in mostra le proprie eccellenze.
#VivaioRicerca e Università
E’ il programma di eventi scientifici a cura del Centro nazionale delle Ricerche (Cnr) che si terrà al Padiglione Italia. Ventiquattro gli eventi in calendario. Dieci gli atenei italiani che stanno già realizzando progetti.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Scuole di specializzazione in Medicina: in arrivo il nuovo Regolamento

Next Article

Dante compie 750 anni: gli eventi in Italia e nel mondo

Related Posts
Leggi di più

Maturità senza mascherine? Si apre uno spiraglio: “Con pochi contagi a giugno si possono eliminare”

Continua il dibattito sull'eliminazione delle mascherine a scuola. L'Italia è l'unico Paese in Europa che ha mantenuto l'obbligo di indossarle in classe per gli studenti ma cresce il pressing per eliminarle almeno durante gli esami di maturità e quelli della scuola media. Gli esperti: "Se il tasso di positività si abbasserà dall'attuale 13% al 10% ai primi di giugno allora potremo ragionare sull'eliminazione"