Microsoft Italia cerca neolaureati

 

Nuove opportunità per entrare nel mondo del lavoro arrivano direttamente da Microsoft Italia. L’azienda, che al momento conta più di 800 dipendenti, divisi tra le sedi di Peschiera Borromeo, Roma e Torino, è alla ricerca di neolaureati in ingegneria, informatica, discipline economiche e scientifiche, e statistica, da inserire nei settori marketing, vendite, consulenza e supporto tecnico.

“Di qui all’estate – spiega Luca Valerii, responsabile hr di Microsoft Italia – abbiamo in agenda una ventina di assunzioni. Abbiamo istituito, inoltre, il programma Mach (Microsoft Academy for College Hires), per l’inserimento di neolaureti nelle nostra strutture.

Nello specifico il programma prevede un periodo di lavoro di due anni, con possibilità di assunzione dopo i primi dodici mesi. Non a caso Microsoft Italia si è classificata al primo posto nella categoria grandi aziende della classifica nazionale dei migliori posti di lavoro per il 2012 di Great Place to Work®.

“Cerchiamo persone con buona conoscenza della lingua inglese, apertura mentale, senso di responsabilità, capacità di relazionarsi e di lavorare in team e per obiettivi – ha concluso Valerii. Consentiamo di conciliare lavoro e vita privata, anche grazie alla tecnologia, che permette di non essere sempre presenti in ufficio”.

Tutti gli interessati possono visitare la pagina direttamente dal sito https://careers.microsoft.com/careers/it/it/home.aspx

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Italia-Germania: 2 a 21. Quando l'istruzione conta il 2%

Next Article

Crisi, l'agricoltura come occasione di sviluppo

Related Posts
Leggi di più

Giovani italiani divisi tra Neet e piccoli imprenditori: in entrambi i campi abbiamo il record europeo

Rilevazione di Confartigianato sulla situazione lavorativa dei giovani nel nostro Paese. Ci sono 123.321 imprese artigiane con a capo un under 35 ma il rovescio della medaglia è rappresentato dal 23% dei ragazzi tra i 15 e i 29 anni che non studia e non lavora. In Campania e in Calabria sono 1 su 3. "Le aziende fanno fatica a trovare lavoratori con competenze digitali e green".
Leggi di più

Erasmus+, un partecipante su tre trova lavoro all’estero dopo il tirocinio

I dati di un'indagine svolta dall’Agenzia nazionale Erasmus+ evidenziano come oltre il 30% dei partecipanti ai programmi di formazione fuori dai confini italiani alla fine del percorso siano riusciti ad inserirsi nel mondo del lavoro dei paesi ospitanti. Quest'anno sono già 457 i progetti di mobilità individuale ricevuti.
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.