“Mi vendo bene, ma non sono in vendita”: ecco il manuale per orientarsi nel mercato del lavoro

mi vendo

Trovare la propria unicità, farla riconoscere, farla scegliere. E’ questo il messaggio dell’ultimo libro di Lorenzo Cavalieri, coach ed esperto consulente di orientamento professionale, pubblicato da Vallardi. Nel mercato del lavoro di oggi, infatti, non basta più conoscere il proprio mestiere per farsi scegliere: bisogna saperlo raccontare, costruendo un’efficace strategia di marketing personale.

Il libro, infatti, già dal titolo si presenta come una vera e propria guida per giovani e non che vogliono entrare nel mondo del lavoro: “Mi vendo (bene), ma non sono in vendita”.

Come fare marketing di se stessi, come distinguersi, come farsi riconoscere, come farsi scegliere: sono solo alcuni dei titoli dei capitoli all’interno del libro. Nella seconda parte, poi, ecco la guida su come passare all’azione grazie a un piano di marketing personale, puntando su coerenza, reputazione e relazione.

Come presentarsi ad un colloquio di lavoro? Come redigere il curriculum vincente? Come utilizzare al meglio gli strumenti web per trovare il “lavoro della vita”? Come rendere riconoscibile la propria immagine professionale? Il libro offre spunti concreti e interessanti su come valorizzare i propri punti di forza professionali e aiuta a definire una solida strategia di marketing personale. Chi è alla ricerca del primo impiego può imparare da queste pagine che nel mondo del lavoro oggi la consapevolezza delle proprie risorse e dei propri limiti è un fattore distintivo di successo.

Oltre al curriculum  e al colloquio di lavoro “Mi vendo (bene) ma non sono in vendita” aiuta a capire come usare gli strumenti social in ambito professionale e come passare dalla cultura della raccomandazione alla cultura del network personale.

Raffaele Nappi

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

OrientaSud, lavoro e formazione: l'80 % dei giovani non ha strumenti di scelta

Next Article

Le lezioni del prof? Nell'App fatta dai ragazzi

Related Posts
Leggi di più

Giovani italiani divisi tra Neet e piccoli imprenditori: in entrambi i campi abbiamo il record europeo

Rilevazione di Confartigianato sulla situazione lavorativa dei giovani nel nostro Paese. Ci sono 123.321 imprese artigiane con a capo un under 35 ma il rovescio della medaglia è rappresentato dal 23% dei ragazzi tra i 15 e i 29 anni che non studia e non lavora. In Campania e in Calabria sono 1 su 3. "Le aziende fanno fatica a trovare lavoratori con competenze digitali e green".
Leggi di più

Erasmus+, un partecipante su tre trova lavoro all’estero dopo il tirocinio

I dati di un'indagine svolta dall’Agenzia nazionale Erasmus+ evidenziano come oltre il 30% dei partecipanti ai programmi di formazione fuori dai confini italiani alla fine del percorso siano riusciti ad inserirsi nel mondo del lavoro dei paesi ospitanti. Quest'anno sono già 457 i progetti di mobilità individuale ricevuti.
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.