Meno dormi, meno rendi

sonno.jpgPer migliorare le performance del proprio cervello c’è un’unica ricetta universale: metterlo a riposo almeno 8 ore al giorno. Discorso valido soprattutto per gli adolescenti, bombardati costantemente da stimoli e sovraesposti alle informazioni, con il serio rischio di andare in tilt.
“Fate dormire di più i vostri figli”, raccomanda una ricerca di studiosi del sonno australiani, secondo cui dormire troppo poco danneggia la memoria degli adolescenti e il loro rendimento in prove come dettato, ortografia ed esercizi di matematica.

La ricerca guidata dal Michael Gradisar, dell’università Flinders di Adelaide, contraddice studi passati secondo cui i ragazzi possono ottenere buoni risultati anche con meno di otto ore di sonno. A differenza degli studi precedenti, agli studenti è stato chiesto di affrontare attività complesse, piuttosto che dei semplici compiti mnemonici. È risultato che il rendimento nei compiti più complessi, che richiedevano di memorizzare delle informazioni mentre ne venivano elaborate delle altre, era legato alla quantità di sonno conseguita. Gli studenti che si erano goduti otto o nove ore sotto le coperte potevano eseguire quasi l’80% delle prove a cui erano sottoposti, mentre chi aveva dormito di meno arrivava a meno di due terzi.
Gradisar, che è anche direttore della Clinica del sonno per adolescenti di Adelaide, conclude che gli alunni che non dormono a sufficienza mostrano un’abilità ridotta nel codificare, immagazzinare e recuperare informazioni, il che ha implicazioni in materie come ortografia e matematica.
Manuel Massimo

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Guida alla scelta della facoltàSCIENZE STATISTICHE

Next Article

Organizzatore di eventi per il settore turistico

Related Posts
Leggi di più

La versione di Seneca, talebani e Martin Luter King: ecco le tracce più scelte dalle scuole per la seconda prova della maturità

Ieri i 520mila studenti che hanno svolto la seconda prova dell'esame di maturità hanno impiegato in media tra le 4 e le 6 ore. Seneca e Tacito i più gettonati nei licei classici. I risultati avranno un peso minore rispetto al passato (solo 10 su 100). Il ministro Bianchi: "L'anno prossimo torneremo alla vecchia impostazione ma disponibile ad introdurre ulteriori novità".
Leggi di più

Alla maturità vince il mondo iperconnesso, Pascoli scelto da pochissimi. Oggi al via la seconda prova scritta

Il 21,2% dei 520mila studenti che ieri hanno svolto la prima prova dell'esame di maturità hanno scelto il brano di Vera Gheno e Bruno Mastroianni. Sul podio anche la Segre e Verga mentre l'analisi della poesia "La via ferrata" di Giovanni Pascoli ha riscosso poso appeal tra i maturandi: solo il 2,9%. Oggi si torna tra i banchi per il secondo scritto (latino al classico e matematica allo scientifico).