Meloni: "Chi usa la violenza è uno sconfitto"

striscioneperrenatobiagetti.jpg«Chi pratica la violenza politica, per qualunque ragione o ideologia, è uno sconfitto». Lo scrive, in un intervento in prima pagina sul quotidiano ‘Liberazione’, il ministro della Gioventù e presidente di Azione giovani Giorgia Meloni, parlando dell’aggressione subita pochi giorni fa da tre militanti di sinistra nel quartiere Ostiense a Roma, di ritorno da un concerto in memoria del loro compagno Renato Biagetti, ucciso a coltellate due anni fa sulla spiaggia di Focene.
«Non sfuggo – scrive la Meloni – al mio dovere di replica. Non ho fatto particolari dichiarazioni in merito all’odioso episodio semplicemente perché non avrei aggiunto nulla a ciò che dichiaro instancabilmente da più di dieci anni».
«Dunque, senza reticenza alcuna – scrive ancora la Meloni – sono a ribadire una volta ancora quello che è il mio pensiero in proposito. Chi accoltella un paio di ragazzi che tornano a casa dopo un concerto è un vigliacco che testimonia la propria disfatta esistenziale, oltre che politica. Si tratta di un concetto su cui ho fondato la mia militanza civile e non ho certamente cambiato idea».
«La verità è che di solito preferisco non limitarmi ad un comunicato stampa, ma fare qualcosa di più. Per esempio, preferisco organizzare un incontro come quello di due anni fa (definito ‘storico’ da molti giornali, compreso Liberazione) tra Fausto Bertinotti e Gianfranco Fini, proprio all’indomani dell’omicidio di Renato Biagetti. Fu un’occasione importante – conclude Meloni – per parlare e capire come il confronto politico non dovesse mai più tornare quello insanguinato di trent’anni fa».

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Codacons: "Tenete gli occhi aperti"

Next Article

Diritti Umani, al via il corso in Ghana

Related Posts
Leggi di più

Ucraina, niente vacanze estive per gli studenti di Mariupol: “Russi iniziano la loro propaganda a scuola”

L'occupazione russa della città simbolo della guerra in Ucraina comincia ad avere le prime ripercussioni: gli studenti non faranno le vacanze estive e andranno a scuola fino al 1 settembre. Secondo il governo di Kiev l'esercito di Putin vuole de-ucrainizzare gli scolari e prepararli al curriculum russo che dovranno studiare il prossimo anno scolastico.
Leggi di più

Studentessa muore a pochi esami dalla laurea: l’università la proclamerà lo stesso “dottoressa”

Irene Montuccoli avrebbe compiuto oggi 22 anni. E' morta nei giorni scorsi in seguito a dei forti mal di testa. Sul suo decesso la Procura di Reggio Emilia ha aperto un fascicolo perché la ragazza, che era andata più volte al Pronto soccorso, era sempre stata dimessa. Irene era appassionata di motori e stava per laurearsi in Ingegneria del veicolo. L'ateneo di Modena e Reggio Emilia ha avviato l'iter per la laurea alla memoria.