Diritti Umani, al via il corso in Ghana

unhrc.pngUn corso in Ghana per formare 25 giovani, residenti in Africa, come “Human Rights Field Officers”, promosso dalla Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa insieme all’università del Ghana e all’Ufficio dell’Alto Commissario per i Diritti Umani delle Nazioni Unite (UNHRC), sarà inaugurato l’8 settembre 2008 dalla professoressa Maria Chiara Carrozza, direttore del Sant’Anna, e dal professor Andrea de Guttry, docente di Relazioni Internazionali e direttore dell’International Training Programma for Conflict Management.
Alla cerimonia di inaugurazione parteciperanno numerose personalità, tra le quali il rettore dell’università del Ghana, il ministro degli Esteri del Ghana, l’ambasciatore italiano in Ghana, oltre a rappresentanti delle più alte cariche dell’ONU.
Il corso, finanziato da UNDESA – il Dipartimento degli Affari Economici e Sociali dell’ONU – ha una durata di due settimane e si pone l’obiettivo di formare esperti in grado di operare con competenza e professionalità nel campo della promozione e del rispetto dei diritti umani in varie aree dell’Africa.
Quello che si inaugurerà l’8 settembre non è il primo corso tenuto dalla Scuola in Ghana. Negli ultimi anni, infatti, il Sant’Anna – in collaborazione con l’Università del Ghana – ha organizzato trenta corsi di formazione, che hanno coinvolto più di 600 studenti provenienti da 47 paesi africani.
Manuel Massimo

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Meloni: "Chi usa la violenza è uno sconfitto"

Next Article

A Bari c'erano anche gli indagati

Related Posts
Leggi di più

Università, Messa: “Episodi concorsi isolati”

"La comunità scientifica è una comunità sana. Ha anticorpia sufficienza per reagire e autoregolarsi, ma deve misurarsi tra le altre cose con una realtà che fatica a trovare il giusto equilibrio tra trazione e innovazione, e a definire cosa caratterizzi il merito in maniera obiettiva, rendendo prossima allo zero l'ineludibile discrezionalità della scelta", parole della ministra Cristina Messa