Codacons: "Tenete gli occhi aperti"

copiare.jpgStamattina hanno preso il via i test di ammissione negli atenei statali: molti studenti non riusciranno a superare la prova e già si prevede un congruo numero di ricorsi. Intanto l’associazione in difesa dei consumatori Codacons, memore delle irregolarità perpetrate nelle passate edizioni, invita a tenere gli occhi aperti durante la prova: “Il rischio è che si ripeta di nuovo lo scempio avvenuto lo scorso anno: invitiamo i candidati a segnalare all’associazione qualsiasi irregolarità o stranezza riscontrata durante le prove, così da poter arrivare ad un nuovo ricorso al Tar del Lazio, finalizzato ad ottenere maggiore trasparenza e correttezza nei confronti degli studenti”.
Commissione bocciata. Come si ricorderà il Tar del Lazio, appena due mesi fa, con una clamorosa sentenza che accoglieva in pieno le tesi del Codacons, ha annullato tutta la procedura concorsuale relativa ai test di ammissione alla facoltà di Medicina e Chirurgia relativa all’anno 2007, a partire dalla commissione di esperti che aveva formato i quiz, la quale è stata stigmatizzata per aver distrutto i documenti cartacei di formulazione dei test e non aver redatto alcun verbale, violando così le minime regole di trasparenza che ogni pubblica amministrazione è tenuta ad osservare, specie nei pubblici concorsi. Inoltre numerosi quesiti vennero ritenuti illegittimi dal Tar, perché formulati in maniera non corretta o perché le risposte esatte erano più di una, circostanza che portò fuori strada migliaia di studenti.
Manuel Massimo

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Stage alla Ue solo per universitari

Next Article

Meloni: "Chi usa la violenza è uno sconfitto"

Related Posts
Leggi di più

Regalo di Natale al ministro Valditara: 500mila euro in più per il suo staff grazie ai tagli alla didattica

Un emendamento presentato dall'ex sottosegretario Rossano Sasso stanzia ulteriori 480mila euro per consulenti e collaboratori del Ministero dell'Istruzione. Soldi che verranno prelevati dal fondo per la didattica previsto dalla legge sulla Buona Scuola del 2015. Le opposizioni gridano allo scandalo ma da Viale Trastevere provano a gettare acqua sul fuoco: "Spese in linea con gli anni precedenti".