Meloni, Campogiovani: aperte le iscrizioni per l’edizione 2011

Sono aperte le iscrizioni per l’edizione 2011 di Campogiovani: da giugno a settembre, il Ministero della Gioventù organizza la terza edizione del progetto in collaborazione con i Vigili del Fuoco, la Marina Militare, le Capitanerie di Porto e la Croce Rossa Italiana.

Sono aperte le iscrizioni per l’edizione 2011 di Campogiovani: da giugno a settembre, il Ministero della Gioventù organizza la terza edizione del progetto in collaborazione con i Vigili del Fuoco, la Marina Militare, le Capitanerie di Porto e la Croce Rossa Italiana. Giunto ormai alla terza edizione, Campogiovani è un progetto del Ministrero della Gioventù destinato a ragazzi e ragazze residenti in Italia, di età compresa tra i 14 ed i 22 anni compiuti alla data di compilazione della domanda, che frequentino istituti scolastici superiori o siano iscritti ai primi anni del ciclo universitario.

La graduatoria di coloro che potranno prendere parte ai campi estivi si forma in base a criteri di merito scolastico e, in caso di parità all’Isee più basso che sarà richiesto in caso di necessità. I corsi sono tutti gratuiti e hanno una durata minima settimanale, ma variano a seconda dell’istituzione presso cui si svolgono. “Campogiovani vuol dire una settimana da protagonisti in difesa dell’ambiente, in aiuto alla popolazione, al servizio dell’Italia» commenta il ministro della Gioventù, Giorgia Meloni. “Una settimana per apprendere nozioni utili, fare amicizia, conoscere persone straordinarie, scoprire attitudini e – conclude il ministro – soddisfare la propria voglia di impegno civile”.

Per maggiori info, per scaricare la modulistica e procedere all’iscrizione, è attivo il sito www.campogiovani.it, oppure www.gioventu.it, o ancora la pagina di Campogiovani sul social network Facebook

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Impariamo ad accogliere le differenze

Next Article

Salvatore Scibona alla Luiss Writing School

Related Posts
Leggi di più

Maturità senza mascherine? Si apre uno spiraglio: “Con pochi contagi a giugno si possono eliminare”

Continua il dibattito sull'eliminazione delle mascherine a scuola. L'Italia è l'unico Paese in Europa che ha mantenuto l'obbligo di indossarle in classe per gli studenti ma cresce il pressing per eliminarle almeno durante gli esami di maturità e quelli della scuola media. Gli esperti: "Se il tasso di positività si abbasserà dall'attuale 13% al 10% ai primi di giugno allora potremo ragionare sull'eliminazione"