Salvatore Scibona alla Luiss Writing School

La LUISS Writing School, scuola di scrittura creativa della LUISS Guido Carli, ospita per la conclusione dei suoi due anni di studi l’autore americano di origine siciliana Salvatore Scibona. Al centro della lezione le tecniche di scrittura. Salvatore Scibona è infatti laureato all’Università dell’Iowa in scrittura creativa e lavora attualmente presso il Fine Arts Work Center di Provincetown, un’organizzazione non profit che sostiene giovani di talento.

L’incontro alla LUISS,  giovedì 19 maggio 2011, sarà anche l’occasione per riflettere sul valore della scrittura e l’importanza che le scuole di scrittura creativa hanno, o possono avere, nella formazione di nuovi autori. Ma non solo: la sua presenza in aula sarà importante anche per capire meglio cosa pensano e come vivono i giovani americani, immigrati da generazioni, ma ormai figli di Obama e della democrazia a stelle e strisce.

Il suo libro d’esordio La fine è un’anti-epopea che si discosta dalla tradizione letteraria e cinematografica che ha sempre raccontato l’esperienza degli italiani all’estero come fuga epica dalla terra di origine, ispirandosi alla storia dei bisnonni immigrati a Cleveland, Ohio.

Più di dieci anni per scrivere La fine, un’opera dal linguaggio sofisticato, estremamente elaborato da richiamare lo stile di scrittura di James Joyce e Virginia Woolf. Il frutto è una narrazione attaccata alle cose, capace di catturarne suoni, profumi, odori e di restituirli poi in modo vivo e acceso, con squarci di lirismo intensi.

L’appuntamento è giovedì 19 maggio 2011
ore 11.00 –Aula Writing School di Viale Pola, 12

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Meloni, Campogiovani: aperte le iscrizioni per l’edizione 2011

Next Article

Borsa di ricerca sulla deportazione nazista

Related Posts
Leggi di più

Intervista alla senatrice Elena Cattaneo: “Denunciare ogni condotta che tradisce l’etica e la dignità accademica”

"Mi rendo conto che può non essere facile, ma finché non scatterà in ognuno di noi la molla per contribuire al cambiamento, ne usciremo tutti sconfitti, compreso chi penserà di averla fatta franca, di aver vinto", afferma la senatrice e prof.ssa ordinaria di Farmacologia all'Università degli Studi di Milano, che racconta un suo episodio personale