Medicina, la sorpresa: punteggi più alti rispetto all'anno scorso

Sono state pubblicate questa mattina le prime graduatorie ufficiali del Test di Medicina 2015. Analizzando i primi dati, subito salta all’occhio un particolare importante. Nonostante, infatti, le diverse lamentele da parte degli studenti riguardo la difficoltà delle domande, si registrano punteggi altissimi.
E’ il caso di Roma, dove all’Università La Sapienza uno studente ha totalizzato il punteggio di 80.5, più alto da solo rispetto all’anno scorso, quando si fermava a 80.2. Il punteggio più basso è un -9,5, sempre alla Sapienza. Sono stati 4.900 gli iscritti al test. Solo 990 avranno la possibilità di iscriversi ai corsi.
All’Università Federico II di Napoli, invece, il punteggio più alto totalizzato è 80.9. Il più basso -8.8.
All’Università degli Studi di Milano il punteggio più alto è stato 79.8. Il più basso-11.4.
Passiamo all’Alma Mater di Bologna: il punteggio più alto 68.8. Il più basso -8.8.
A Firenze il punteggio più alto registrato è 73. Il più basso -12.2.
A Torino il punteggio più alto è 80.9, il più basso -8.8.
A Verona il punteggio più alto registrato è 71.2. Il più basso -3.2.
A Palermo siamo in controtendenza. Il punteggio più alto nelle graduatorie è 62.4, il più basso si ferma a -6.4.
 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Test Medicina 2015: pubblicate le graduatorie

Next Article

Medicina, ecco i punteggi divisi per città: a Napoli il record con 80.9 punti

Related Posts
Leggi di più

Ricerca, online il bando del Ministero per finanziare i progetti di interesse nazionale. Messa: “Pronti 749 milioni di euro”

E' online il bando, finanziato in parte con le risorse del PNRR, che stanzia quasi 750 milioni di euro per lo sviluppo della ricerca italiana. Dei 749 milioni, circa 223 milioni - il 30% del totale - sono destinati a progetti presentati da professori o ricercatori con meno di 40 anni. Il ministro Messa: "Vogliamo incentivare i giovani a sviluppare ambiziosi progetti di ricerca di base".
Leggi di più

Percorsi di studio “transnazionali” e un’unica carta dei diritti per gli studenti: ecco l’università “europea” immaginata dalla ministra Messa

Dopo 23 anni dalla Dichiarazione di Bologna, i ministri europei dell'Università si sono ritrovati a Parigi per ridisegnare il futuro dell'istruzione accademica. La ministra Maria Cristina Messa: "Obiettivo è creare un'offerta transnazionale, internazionalizzando i percorsi di studio e disponendo una carta europea dello studente".