Medicina, i primi arresti alla vigilia del test

1368825.jpgSapeva di essere indagato ormai da un anno, ma l’arresto alla vigilia dei nuovi test di ingresso per i corsi di Medicina non se lo aspettava. Marcantonio Pollice, biologo ed ex docente di liceo in pensione, è agli arresti domiciliari da questa mattina, quando la Guardia di Finanza ha messo il primo punto alle indagini iniziate un anno fa sulla truffa scoperta alle prove di accesso della facoltà barese.
L’accusa per Pollice è di essere a capo dell’associazione per delinquere che avrebbe compiuto illeciti il 4 e 5 settembre 2007, prima e durante le preselezioni per accedere alle facoltà a numero chiuso di medicina e odontoiatria nelle università di Bari, Foggia, Chieti e Ancona. Il biologo è stato posto agli arresti domiciliari con le accuse di associazione per delinquere e truffa pluriaggravata. Il provvedimento restrittivo è stato firmato dal gip del tribunale di Bari Giulia Romanazzi, su richiesta del pm inquirente Francesca Romana Pirrelli. Nonostante sapesse di esser indagato da circa un anno – si dice nel provvedimento restrittivo – Pollice aveva continuato quest’estate, come già era accaduto lo scorso anno, a tenere lezioni di preparazione ai candidati ai test di ammissione alle facoltà di medicina e di odontoiatria.
Attualmente sono 136 gli indagati dalla procura di Bari nell’inchiesta avviata un anno fa. Gli studenti indagati per truffa ai danni dello Stato sono poco più di 50, poi ci sono numerosi genitori degli studenti, Pollice e due docenti universitari di Bari e Ancona. Nei confronti degli indagati vengono ipotizzati, a vario titolo, i reati di associazione per delinquere finalizzata alla corruzione e alla truffa.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Calabria, corsi ad hoc per matricole

Next Article

Opportunità nel settore bancario in varie città

Related Posts
Leggi di più

“Vietato salire sull’aereo con i ventilatori polmonari”: Ryanair nega il volo a una dottoranda che deve andare a discutere la tesi

L'incredibile storia capitata a Paola Tricomi, studentessa siciliana della Normale di Pisa che tra qualche giorno dovrà discutere la tesi di dottorato. La compagnia aerea le ha negato la possibilità portare a bordo i due ventilatori polmonari che le servono per respirare. Dopo la mobilitazione sul web la società irlandese ha fatto marcia indietro: "E' stato un equivoco".
Leggi di più

Ucraina, niente vacanze estive per gli studenti di Mariupol: “Russi iniziano la loro propaganda a scuola”

L'occupazione russa della città simbolo della guerra in Ucraina comincia ad avere le prime ripercussioni: gli studenti non faranno le vacanze estive e andranno a scuola fino al 1 settembre. Secondo il governo di Kiev l'esercito di Putin vuole de-ucrainizzare gli scolari e prepararli al curriculum russo che dovranno studiare il prossimo anno scolastico.