Medicina, i primi arresti alla vigilia del test

1368825.jpgSapeva di essere indagato ormai da un anno, ma l’arresto alla vigilia dei nuovi test di ingresso per i corsi di Medicina non se lo aspettava. Marcantonio Pollice, biologo ed ex docente di liceo in pensione, è agli arresti domiciliari da questa mattina, quando la Guardia di Finanza ha messo il primo punto alle indagini iniziate un anno fa sulla truffa scoperta alle prove di accesso della facoltà barese.
L’accusa per Pollice è di essere a capo dell’associazione per delinquere che avrebbe compiuto illeciti il 4 e 5 settembre 2007, prima e durante le preselezioni per accedere alle facoltà a numero chiuso di medicina e odontoiatria nelle università di Bari, Foggia, Chieti e Ancona. Il biologo è stato posto agli arresti domiciliari con le accuse di associazione per delinquere e truffa pluriaggravata. Il provvedimento restrittivo è stato firmato dal gip del tribunale di Bari Giulia Romanazzi, su richiesta del pm inquirente Francesca Romana Pirrelli. Nonostante sapesse di esser indagato da circa un anno – si dice nel provvedimento restrittivo – Pollice aveva continuato quest’estate, come già era accaduto lo scorso anno, a tenere lezioni di preparazione ai candidati ai test di ammissione alle facoltà di medicina e di odontoiatria.
Attualmente sono 136 gli indagati dalla procura di Bari nell’inchiesta avviata un anno fa. Gli studenti indagati per truffa ai danni dello Stato sono poco più di 50, poi ci sono numerosi genitori degli studenti, Pollice e due docenti universitari di Bari e Ancona. Nei confronti degli indagati vengono ipotizzati, a vario titolo, i reati di associazione per delinquere finalizzata alla corruzione e alla truffa.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Calabria, corsi ad hoc per matricole

Next Article

Opportunità nel settore bancario in varie città

Related Posts
Leggi di più

Pisa, manganellate agli studenti alla manifestazione per Gaza

Scontri questa mattina nel centro della città toscana durante il corteo in favore della Palestina. Le forze dell'ordine hanno caricato i ragazzi che cercavano di entrare in piazza dei Cavalieri. "Sconcerto" da parte dell'Università.
Leggi di più

Elezioni Europee, ok al voto per gli studenti fuorisede

Via libera in Commissione Affari costituzionali alla proposta di far votare alle prossime elezioni in programma per l'8 e il 9 giugno chi studia in un Comune diverso da quello di residenza. Bisognerà però fare un'apposita richiesta 35 giorni prima.