Medicina, Carrozza: “Nei test più biologia e materie pertinenti”

carrozza e i test di medicina

Carrozza e  i test di medicina “Ci saranno meno domande di cultura generale e piu’ quesiti di biologia o materie attinenti alla medicina. Per questo, bisogna prepararsi bene”. Lo ha detto il Ministro dell’Istruzione e Universita’ Maria Chiara Carrozza ai microfoni di Prima di Tutto su Radio 1 riferendosi ai test di medicina che fra qualche giorno, centinaia di giovani si apprestano a sostenere. Il ministro ha affrontato anche la questione del Bonus maturita’. “E’ una legge che era stata sempre prorogata – ha spiegato – e mai entrata in vigore. Abbiamo dovuto applicarla. Non abbiamo avuto scelta. La finalita’ era senza dubbio positiva: premiare chi fa fatto bene. Ma poi, ci sono scuole dove e’ piu’ facile prendere un voto alto e scuole dove non e’ cosi’. E su questo sono molto perplessa. Per questo ho dato incarico ad una commissione per studiare la materia”.

“Dobbiamo riflettere su come selezionare i medici – ha aggiunto il Ministro – la formazione deve essere bilanciata alle attrezzature e alle posizioni libere per esercitare la professione anche in funzione della specializzazione”. Rispondendo ad una domanda sull’opportunita’ del test per medicina sostituito eventualmente, fra le tante possibilita’, con il ricorso ad una selezione sulla base degli esami, il ministro ha espresso dubbi: “ho paura che poi, gli studenti perdano un anno. La vera vocazione del medico secondo me, si vede piu’ avanti e per questo, una commissione dovra’ studiare con la collaborazione del ministero della Salute il problema della formazione”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Macchine auto-guidate da google come taxi

Next Article

Università, appello della Cgil: tasse gratis per i disoccupati

Related Posts
Leggi di più

Pronti gli aumenti per le borse di studio: per gli studenti fuori sede ci sono 900 euro in più

Il decreto del Ministero dell'Università che fissa i nuovi criteri per l'assegnazione delle borse di studio è al vaglio della Corte dei conti e sta per entrare in vigore. Previsto un aumento medio di 700 euro per ogni studente ma per alcuni casi gli importi saranno anche superiori: per chi studia lontano da casa e non è assegnatario di un posto letto l'assegno passerà da 5.257,74 a 6.157,74 euro.