Maxi focolaio Covid in una scuola nel Napoletano. De Luca: “Causato da figli di genitori No Vax”

Sono 18 i casi positivi, tra studenti e insegnanti, all’interno dell’istituto comprensivo “Di Giacomo-Santa Chiara” di Qualiano in provincia di Napoli. La scuola resterà chiusa fino a lunedì prossimo. Ira del governatore della Campania: “Atteggiamento irresponsabile e incivile”.

Resterà chiuso fino a lunedì prossimo l’istituto comprensivo “Di Giacomo-Santa Chiara” di Qualiano in provincia di Napoli, la scuola nella quale si è verificato un focolaio con 13 alunni e 5 insegnanti risultati positivi al Covid. Gli alunni, ha fatto sapere ieri il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca, sono quasi tutti figli di persone non vaccinate.

Il dirigente scolastico ha disposto la didattica digitale integrata per tutti gli alunni della scuola primaria e secondaria di primo grado, con ripresa delle lezioni in presenza lunedì 25 ottobre, e la sospensione delle attività didattiche in presenza per la scuola dell’infanzia fino a venerdì 22 ottobre.

Sono stati sospesi anche gli incontri scuola-famiglia previsti per oggi, mercoledì 20, e venerdì 22 ottobre, ed è stata rinviata la gita scolastica al Teatro San Carlo di Napoli che si sarebbe dovuta svolgere domani, giovedì 21 ottobre. Nei giorni di chiusura si procederà alla disinfezione straordinaria di tutti i locali.

La circostanza ha fatto infuriare De Luca, che ha parlato di “esempio drammaticamente lampante di cosa può succedere in presenza di genitori irresponsabili che mettono a grave rischio la salute dei propri figli e, contestualmente, quella degli altri alunni che frequentano la scuola, e di intere famiglie. È questo – ha aggiunto De Luca – l’atteggiamento irresponsabile e incivile di chi si ostina ancora a non vaccinarsi, e magari pretende che sia lo Stato a pagargli i tamponi”.

Total
4
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Lavazza: Concorso di product design con premi in denaro

Next Article

"Gli studenti contro il Green pass? Sono un'infima minoranza"

Related Posts
Leggi di più

Seggi elettorali, Cittadinanzattiva: “L’88% ancora nelle aule. E la maggior parte dei comuni non vuole spostarli”. L’appello

Le amministrazioni che hanno deciso di continuare a votare nelle scuole lo fanno per diversi motivi. In primis, la mancanza di luoghi pubblici o privati aventi le caratteristiche richieste. Cioè: senza barriere architettoniche, con servizi igienici e spazi per alloggiare le forze dell'ordine e in prossimità dell’elettorato resident