Maturità, mancano 1500 presidenti di commissione: esame a rischio in sei regioni

epa08387250 Students attend a math class at a vocational school in Bad Aibling, Germany, 24 April 2020. After weeks of lockdown due the ongoing pandemic of the COVID-19 disease caused by the SARS-CoV-2 coronavirus, Bavarian schools resume teaching graduating classes in small groups and under strict hygiene measures. EPA/PHILIPP GUELLAND

A poco più di due settimane dagli esami di maturità la nomina dei presidenti delle commissioni degli esami è ancora problematica in alcune regioni. Le defezioni sono forti in Lombardia, perché i docenti temono i contagi. La situazione è denunciata da varie sigle sindacali del mondo della scuola. Mancano “circa 1.500 presidenti di cui oltre 700 in Lombardia“, dichiara al Fatto Quotidiano la segretaria generale della Cisl Scuola Maddalena Gissi . Criticità si registrano anche nel Lazio, in Toscana, Veneto e Piemonte. L’Associazione nazionale presidi (Anp) stima che a livello nazionale manchino poco meno del 10% dei presidenti e individua tra le Regioni con più difficoltà anche l’Emilia-Romagna.

L’Anp ha tenuto lunedì, in videoconferenza, una riunione informativa con il ministero dell’Istruzione sulla prossima emanazione dell’ordinanza ministeriale per assicurare il “reperimento urgente” dei presidenti: i direttori degli Uffici scolastici regionali potranno provvedere alle nomine d’ufficio, anche derogando all’ordinario requisito, per i docenti, di dieci anni di anzianità di ruolo. Come extrema ratio, potranno essere assegnate più commissioni allo stesso presidente. Nel frattempo alcuni uffici scolastici regionali già nei giorni scorsi hanno fatto una seconda chiamata e un appello al senso di responsabilità.

Gissi ha spiegato che “nonostante le norme sulla sicurezza e le rassicurazioni, molti docenti non sono disponibili ad affrontare questa incognita, anche tenendo conto che ci sono molte situazioni di fragilità”. Secondo la leader della Cisl Scuola, “accanto all’ipotesi, già allo studio, di prevedere un solo presidente su più commissioni, in quelle situazioni in cui sono maggiori le difficoltà, sarebbe opportuno prevedere la possibilità di svolgere l’esame a distanza, on line. Sarebbe comunque preferibile una mappa precisa delle criticità piuttosto che una comunicazione dell’ultim’ora”.

Intanto nei giorni scorsi è arrivata la nota del Ministero dell’Istruzione a dare un chiarimento per i commissari interni degli esami di Stato: specifica che il commissario interno che dovesse avere una patologia che lo espone a rischio contagio potrebbe fare – presentando certificazione medica – gli esami in videoconferenza o in altra modalità telematica sincrona.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Verso la Maturità, prof.ssa Rizzo del Palumbo di Brindisi: "Usare sia didattica a distanza che in presenza per mancanza spazi"

Next Article

Concorso Amministrativi Ministero Giustizia 2020

Related Posts
Leggi di più

Legge sul reclutamento dei docenti: la formazione porterà nelle tasche dei prof più di 6mila euro

Ok al decreto sul Pnrr 2 che individua le nuove regole sul nuovo sistema di formazione per la classe docente: i tecnici del Senato hanno ipotizzato che chi porterà a termine il percorso di aggiornamento avrà un aumento una tantum di circa 6100 euro lordi. Intanto domani nuovo incontro sul rinnovo del contratto collettivo: si va verso un riconoscimento in busta paga di 50 euro netti per tutti.