Concorso Amministrativi Ministero Giustizia 2020

Tutte le informazioni sul Concorso per Amministrativi Ministero della Giustizia 2020

Concorso Amministrativi Ministero della Giustizia 2020: bando per 150 assunzioni. Il Ministero della Giustizia è stato autorizzato a indire un nuovo concorso pubblico per la copertura di posti di lavoro negli uffici giudiziari in Piemonte, Lombardia, Veneto ed Emilia Romagna. La procedura concorsuale, per titoli ed esame orale, servirà far fronte alle gravi scoperture di organico nei Distretti di Torino, Milano, Brescia, Venezia, Bologna.

Il bando per Amministrativi rientra nei nuovi concorsi Ministero della Giustizia autorizzati dal c.d. decreto Rilancio. Ecco cosa sapere sul concorso per Amministrativi Ministero della Giustizia.

Quanti sono i posti a concorso?

Il concorso Amministrativi Ministero Giustizia mette a bando 150 posti.

Chi può partecipare? I laureati in Giurisprudenza.

Quali sono i requisiti richiesti? Per partecipare al bando Amministrativi Ministero Giustizia 2020 occorre possedere una laurea in Giurisprudenza o equivalente, e uno dei seguenti titoli:

a) aver svolto almeno cinque anni di servizio nell’amministrazione giudiziaria, nella qualifica di funzionario giudiziario, senza demerito;

b) aver svolto, per almeno cinque anni, le funzioni di magistrato onorario senza essere incorso in sanzioni disciplinari;

c) essere stato iscritto all’albo professionale degli avvocati, per almeno cinque anni consecutivi, senza essere incorso in sanzioni disciplinari;

d) aver svolto, per almeno cinque anni scolastici interi, attività di docente di materie giuridiche nella classe di concorso A-46 Scienze giuridico-economiche (ex 19/A) presso scuole secondarie di II grado. In tale computo rientrano anche i periodi di docenza svolti in attività di supplenza annuale;

e) essere da almeno due anni ricercatore ai sensi dell’articolo 24, comma 3, lett. b), della legge 30 dicembre 2010, n. 240 in materie giuridiche;

f) aver prestato servizio per almeno cinque anni nelle forze di polizia ad ordinamento civile o militare, nel ruolo degli ispettori, o nei ruoli superiori;

g) avere conseguito il titolo di dottore di ricerca in materie giuridiche e avere svolto attività lavorativa per almeno 6 mesi presso una pubblica amministrazione in posizione funzionale per l’accesso alla quale è richiesto il possesso del diploma di laurea.

Come si svolge la selezione? Il concorso è per titoli ed esame orale su base distrettuale.

Come vengono assegnati i punteggi per i titoli? Secondo i criteri di anzianità di servizio o di iscrizione, votazione del titolo di studio e di eventuali ulteriori titoli accademici universitari o post universitari.

Quanti punti sono previsti per ciascun titolo? I punti saranno stabiliti dal bando Ministero della Giustizia. I punteggi sono cumulabili.

Sono previste prove d’esame? Si, il concorso per Amministrativi prevede una prova orale.

Dove si svolge la prova?In linea con le nuove modalità per i concorsi pubblici atte a prevenire la diffusione del coronavirus può svolgersi presso ciascun Distretto giudiziario interessato dal bando, con l’utilizzo di strumenti informatici e digitali, in videoconferenza o presso sedi decentrate.

E’ prevista una prova preselettiva? Se il numero dei candidati è molto superiore al numero di posti a concorso potrebbe essere effettuata una preselezione.

Dove saranno assunti i vincitori del bando per Amministrativi? Negli uffici giudiziari dei Distretti di Torino, Milano, Brescia, Venezia e Bologna.

Qual è l’inquadramento previsto? I vincitori del concorso Ministero Giustizia per Amministrativi saranno inquadrati nel personale amministrativo non dirigenziale di Area III/F1.

Qual è la retribuzione? Lo stipendio previsto per la fascia retributiva F1 della terza area del personale dei Ministeri è pari a 1.857,65 euro al mese.

Dove si legge che è stato autorizzato il bando? Il bando per Amministrativi Ministero della Giustizia è stato autorizzato tramite l’articolo 252, comma 5 e seguenti, del decreto legge 19 maggio 2020, n. 34 (c.d. decreto Rilancio).

Come presentare domanda? E’ necessario seguire le modalità per presentare la domanda previste dal bando.

Quando uscirà il bando? Il concorso Ministero della Giustizia dovrebbe essere bandito entro agosto 2020 (90 giorni dall’entrata in vigore del decreto Rilancio).

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Maturità, mancano 1500 presidenti di commissione: esame a rischio in sei regioni

Next Article

Coordinamento nazionale precari scuola: docenti, studenti e genitori in piazza il 4 giugno

Related Posts
Leggi di più

Giovani italiani divisi tra Neet e piccoli imprenditori: in entrambi i campi abbiamo il record europeo

Rilevazione di Confartigianato sulla situazione lavorativa dei giovani nel nostro Paese. Ci sono 123.321 imprese artigiane con a capo un under 35 ma il rovescio della medaglia è rappresentato dal 23% dei ragazzi tra i 15 e i 29 anni che non studia e non lavora. In Campania e in Calabria sono 1 su 3. "Le aziende fanno fatica a trovare lavoratori con competenze digitali e green".
Leggi di più

Erasmus+, un partecipante su tre trova lavoro all’estero dopo il tirocinio

I dati di un'indagine svolta dall’Agenzia nazionale Erasmus+ evidenziano come oltre il 30% dei partecipanti ai programmi di formazione fuori dai confini italiani alla fine del percorso siano riusciti ad inserirsi nel mondo del lavoro dei paesi ospitanti. Quest'anno sono già 457 i progetti di mobilità individuale ricevuti.
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.