Maturità 2016, la carica dei 503 mila. Nomi dei commissari on line dal 7 giugno

Maturità 2016, la carica dei 500 mila – Poche settimane all’avvio dell’Esame di Stato per quasi 25 mila classi di maturandi, un esercito di ragazzi e ragazze pronti ad affrontare l’esame conclusivo della scuola superiore.
Nello specifico, i maturandi dell’anno scolastico 2015 – 2016 saranno 503.452, la maggior parte dei quali interni (487.476) e con una piccola percentuale di privatisti (15.976). Saranno 12.554 le commissioni d’esame della Maturità 2016 che quest’anno esamineranno 24.991 classi.
Tutto pronto dunque per la prima prova scritta, quella di italiano, che si terrà il 22 giugno 2016 a partire dalle ore 8.30. Le tracce, scelte dagli esperti del Miur da diverse settimane, verranno inviate tramite un plico telematico apribile solo con una doppia chiave elettronica che il Ministero dell’Istruzione invierà in contemporanea a tutti gli Istituti italiani a pochi minuti dall’inizio della prova. Una procedura necessaria, per garantire il regolare svolgimento della prima prova d’esame. La seconda prova scritta è in calendario giovedì 23 giugno, dalle ore 8.30. La terza prova scritta, diversa per ciascuna scuola, si svolgerà lunedì  27 giugno, alle ore 8.30.
Per l’elenco delle commissioni, con i nominativi dei docenti interni ed esterni che vi prenderanno parte sarà disponibile sul sito del Miur a questo link solo a partire dal 7 giugno 2016.
 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

La rassegna stampa di giovedì 26 maggio

Next Article

La Maturità dei Vip – Dario Fo: “Ragazzi, ribellatevi alla mediocrità!”

Related Posts
Leggi di più

La versione di Seneca, talebani e Martin Luter King: ecco le tracce più scelte dalle scuole per la seconda prova della maturità

Ieri i 520mila studenti che hanno svolto la seconda prova dell'esame di maturità hanno impiegato in media tra le 4 e le 6 ore. Seneca e Tacito i più gettonati nei licei classici. I risultati avranno un peso minore rispetto al passato (solo 10 su 100). Il ministro Bianchi: "L'anno prossimo torneremo alla vecchia impostazione ma disponibile ad introdurre ulteriori novità".