La rassegna stampa di giovedì 26 maggio

Scuola, Università e Ricerca: ecco gli articoli selezionati questa mattina dalla redazione del Corriere dell’Università.
Il Sole 24 Ore – Mobilità più ampia per i prof – Ieri il via libera definitivo alla Camera dei Deputati al dl “ex Lsu” che introduce novità sulle possibilità di spostamento per i docenti, sulle modalità di pagamento dei professori supplenti e vara il bonus da 500 euro anche per i diciottenni stranieri.
Orizzonte Scuola – Mensa e visite guidate si pagano on line. Presentato a #ForumPA Pago in rete – Il progetto del Miur per semplificare il pagamento dei servizi accessori della scuola: dalla mensa alle gite, tutte le agevolazioni che i genitori potranno pagare direttamente via internet.
L’espresso – “Quel professore è antipatico”: l’Università di Trieste boccia lo scienziato – L’assurda vicenda riportata nel verbale per l’assegnazione del titolo di professore emerito al professor Panza, eminente studioso di fisica della Terra e dei terremoti.
La Stampa – Il più grande telescopio del mondo sarà made in Itlay – Un progetto da oltre 400 milioni di euro che vedrà impiegate alcune delle eccellenze industriali e scientifiche del nostro Paese: nasce così in Cile il più grande telescopio astronomico al mondo.
La Nuova del Sud – Dopo Napolitano, l’appello a Mattarella: “Vorremmo fare ricerca in Italia” – L’appello dei ricercatori durante un convegno svoltosi a Potenza: “Difficile fare ricerca in Italia, e specialmente al Sud, nonostante voglia e passione”.
 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Concorso MiBACT: pubblicati i bandi per l'assunzione a tempo indeterminato di 500 laureati

Next Article

Maturità 2016, la carica dei 503 mila. Nomi dei commissari on line dal 7 giugno

Related Posts
Leggi di più

Maturità senza mascherine? Si apre uno spiraglio: “Con pochi contagi a giugno si possono eliminare”

Continua il dibattito sull'eliminazione delle mascherine a scuola. L'Italia è l'unico Paese in Europa che ha mantenuto l'obbligo di indossarle in classe per gli studenti ma cresce il pressing per eliminarle almeno durante gli esami di maturità e quelli della scuola media. Gli esperti: "Se il tasso di positività si abbasserà dall'attuale 13% al 10% ai primi di giugno allora potremo ragionare sull'eliminazione"