Concorso MiBACT: pubblicati i bandi per l'assunzione a tempo indeterminato di 500 laureati

Dopo gli annunci degli scorsi mesi, il Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo ha pubblicato i bandi per la copertura di 500 posti da funzionario destinati a laureati.
Nello specifico, i posti disponibili per profilo professionale sono i seguenti:
– 5 posti – profilo professionale di Funzionario Antropologo;
– 90 posti – profilo professionale di Funzionario Archeologo;
– 130 posti – profilo professionale di Funzionario Architetto;
– 95 posti – profilo professionale di Funzionario Archivista;
– 25 posti – profilo professionale di Funzionario Bibliotecario;
– 5 posti – profilo professionale di Funzionario Demoetnoantropologo;
– 30 posti – profilo professionale di Funzionario della Promozione e Comunicazione;
– 80 posti – profilo professionale di Funzionario Restauratore;
– 50 posti – profilo professionale di Funzionario Storico dell’Arte.
Possono partecipare alle selezioni i candidati in possesso di cittadinanza italiana o di un Paese membro dell’UE o extra comunitaria, secondo quanto previsto dall’articolo 38 del decreto legislativo n. 165 del 2001; con età non inferiore ai 18 anni; in possesso di laurea specialistica o magistrale, o diploma di laurea, nelle discipline richieste per ciascun profilo professionale, o titoli di studio equiparati ed equipollenti, che abbiano diplomi di specializzazione, o dottorati di ricerca, o master universitari e / o qualifiche e / o esperienza professionale in linea con quanto richiesto per ciascuna figura.
A seconda del profilo prescelto, inoltre, i candidati dovranno dimostrare di aver ottenuto titoli di studio in linea con la posizione per cui si concorre; nello specifico:
archeologi – laurea in archeologia  o titoli equipollenti, con diploma di specializzazione, dottorato o master universitario di secondo livello di durata biennale in materie attinenti al patrimonio culturale, oppure laurea in discipline relative ai beni culturali, con specializzazione in archeologia o equivalente;
antropologi – laurea in antropologia culturale, o biologia, o scienze della natura, o titoli equipollenti conseguiti con percorso formativo attinente il profilo professionale di antropologo, con diploma di specializzazione, dottorato, master universitario di secondo livello di durata biennale in materie attinenti al patrimonio culturale, oppure laurea in materie attinenti al patrimonio culturale, con diploma di specializzazione in antropologia o equivalente;
architetti – laurea in architettura, architettura del paesaggio o titoli equipollenti, con specializzazione o master universitario di secondo livello di durata biennale o dottorato di ricerca in materie attinenti il patrimonio culturale, o titoli equipollenti, e abilitazione all’esercizio della professione di Architetto;
archivisti – laurea in archivistica e biblioteconomia, con diploma di specializzazione, o dottorato di ricerca, o master universitario di secondo livello di durata biennale in materie attinenti il patrimonio culturale, oppure diploma delle scuole di alta formazione e di studio che operano presso il MIBACT, o titoli equipollenti, oppure, in alternativa, laurea in qualsiasi disciplina, con diploma della Scuola di specializzazione in beni archivistici e librari o delle Scuole di archivistica, paleografia e diplomatica del MIBACT, o titoli equipollenti, oppure dottorato di ricerca o master universitario di secondo livello di durata biennale in beni archivistici o equivalente;
bibliotecari – laurea in archivistica e biblioteconomia, con diploma di specializzazione oppure dottorato di ricerca o master universitario di secondo livello di durata biennale in materie attinenti il patrimonio culturale o diploma delle scuole di alta formazione e di studio del MIBACT o titoli equipollenti, oppure laurea in qualsiasi disciplina, con diploma di specializzazione in beni archivistici e librari o titoli equipollenti, o dottorato di ricerca o master universitario di secondo livello di durata biennale in biblioteconomia o beni librari o equivalente;
demoetnoantropologi – laurea in antropologia culturale o titoli equipollenti, con specializzazione, dottorato, master universitario di secondo livello di durata biennale in materie attinenti al patrimonio culturale, oppure laurea nell’ambito dei beni culturali, con diploma di specializzazione, dottorato o master universitario di secondo livello di durata biennale in demoetnoantropologia o equivalente;
esperti di promozione e comunicazione – laurea in qualsiasi disciplina, con diploma di specializzazione, o dottorato di ricerca, o master universitario di secondo livello di durata biennale, in materie attinenti la promozione delle politiche culturali, l’economia dell’arte e della cultura, la gestione del patrimonio culturale e / o la comunicazione, oppure con esperienza professionale di almeno 36 mesi in attività lavorative attinenti la promozione delle politiche culturali, l’economia dell’arte e della cultura, la gestione del patrimonio culturale e / o la comunicazione, presso le pubbliche amministrazioni di cui all’art. 1, comma 2, del Decreto legislativo 30 marzo 2001 n. 165, o soggetti privati;
restauratori – laurea in conservazione e restauro dei beni culturali o diploma accademico di secondo livello di durata quinquennale in restauro delle Accademie di Belle Arti o diploma delle Scuole di alta formazione e di studio che operano presso l’Istituto superiore per la conservazione e il restauro, l’Opificio delle pietre dure e l’Istituto centrale per il restauro e la conservazione del patrimonio archivistico e librario, o titoli equipollenti, oppure riconoscimento della qualifica di restauratore ai sensi dell’articolo 182 del Codice dei beni culturali e del paesaggio, di cui al decreto legislativo 22 gennaio 2004, e successive modifiche;
storici dell’arte – laurea in storia dell’arte o titoli equipollenti, con diploma di specializzazione, dottorato o master universitario di secondo livello di durata biennale in materie attinenti al patrimonio culturale, oppure laurea in discipline relative al patrimonio culturale, con specializzazione, dottorato di ricerca o master universitario di secondo livello di durata biennale in storia dell’arte o equivalente.
I candidati verranno sottoposti ad una prova preselettiva tramite test per la verifica delle conoscenze di base; coloro che risulteranno idonei accederanno alla prova teorica scritta e a quella pratica scritta; superato questo scoglio, verranno valutati in base ai titoli presentati ed infine accederanno alla prova finale orale.
La scadenza per presentare domanda è fissata al 30 giugno 2016. Le candidature vanno presentate attraverso l’apposito form online che sarà attivo a partire dal 30 maggio 2016. Maggiori informazioni sono disponibili sul sito del MiBACT.
A questi link, invece, potete scaricare i bandi ufficiali per ogni singolo profilo professionale:
Antropologi
Archeologi
Architetti
Archivisti
Bibliotecari
Demoetnoantropologi
Funzionari per la promozione e la comunicazione
Restauratori
Storici dell’arte
 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

La rassegna stampa di mercoledì 25 maggio

Next Article

La rassegna stampa di giovedì 26 maggio

Related Posts
Leggi di più

Giovani italiani divisi tra Neet e piccoli imprenditori: in entrambi i campi abbiamo il record europeo

Rilevazione di Confartigianato sulla situazione lavorativa dei giovani nel nostro Paese. Ci sono 123.321 imprese artigiane con a capo un under 35 ma il rovescio della medaglia è rappresentato dal 23% dei ragazzi tra i 15 e i 29 anni che non studia e non lavora. In Campania e in Calabria sono 1 su 3. "Le aziende fanno fatica a trovare lavoratori con competenze digitali e green".
Leggi di più

Erasmus+, un partecipante su tre trova lavoro all’estero dopo il tirocinio

I dati di un'indagine svolta dall’Agenzia nazionale Erasmus+ evidenziano come oltre il 30% dei partecipanti ai programmi di formazione fuori dai confini italiani alla fine del percorso siano riusciti ad inserirsi nel mondo del lavoro dei paesi ospitanti. Quest'anno sono già 457 i progetti di mobilità individuale ricevuti.
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.