Matteo, lo Zuckerberg italiano

Egominia è il nome del neonato social network di un ventenne romano, Matteo Achilli, studente del primo anno all’Università di Bocconi di Milano.

Egominia è il nome del neonato social network di un ventenne romano, Matteo Achilli studente del primo anno all’Università di Bocconi di Milano. Il professional network mette in rete i laureati con le aziende, posizionando i curricula inseriti in base a un algoritmo.

A sole due settimane dalla nascita Egomnia conta 3.000 iscritti tra cui prestigiose aziende come Ericsson e Bialetti. Iscriversi ad Egomnia è semplicissimo anche perché la veste grafica è così simile a Facebook da farci sentire subito “a casa”.

I nuovi campi da compilare sono titoli accademici, certificazioni, esperienze all’estero, tirocini e hobby.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Mafie straniere, speciale di UniSound

Next Article

Enemy graph, l'app di Facebook per i tuoi nemici

Related Posts
Leggi di più

Salario minimo, cos’è e perché ce lo chiede l’UE

A riporta in auge il tema è una proposta rilanciata da Partito democratico e Movimento 5 Stelle. Tranne timide eccezioni, l'idea non sembra però raccogliere l'entusiasmo né delle parti sociali, né degli altri partiti di maggioranza. Eppure allargando lo sguardo, solo sei Paesi europei, Italia compresa, non possiedono una normativa del genere.