Enemy graph, l’app di Facebook per i tuoi nemici

Mica siamo tutti amici? Ecco cosa deve aver pensato Dean Terry, accademico responsabile del programma sui new media dell’Università di Dallas che ha dato vita al darkside di facebook con l’app Enemy graph, ovvero i nemici tra i nostri amici.

Mica siamo tutti amici? Ecco cosa deve aver pensato Dean Terry, accademico responsabile del programma sui new media dell’Università di Dallas che ha dato vita al darkside di facebook con l’app Enemy graph, ovvero i nemici tra i nostri amici.

Terry ha definito l’applicazione come “una bestemmia per i social network” e prevede che Facebook presto la eliminerà ma il divertimento nel vedere i 4.000 utenti già all’attacco con la loro black list dà qualche soddisfazione.

E’ la prima volta che su un social network le persone “indesiderate” non finiscono bloccate o cancellate, oggi stanno li e occupano una posizione di tutto rispetto, quella dei nemici.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Matteo, lo Zuckerberg italiano

Next Article

Borse di studio “Giuseppe D’avanzo”. E su Facebook è subito polemica

Related Posts
Leggi di più

Giro di vite sui baby influencer: certificazione per accedere ai social e stop alla gestione dei profitti da parte dei genitori

Il Tavolo tecnico sulla tutela dei diritti dei minori nel contesto dei social network sta preparando un documento da presentare alla ministra Cartabia per cercare di dotare di nuove regole la "giungla" che riguarda i minori in rete. L'esempio da seguire è quello della Francia che ha approvato da poco tempo una legge ad hoc.
Leggi di più

Sfide estreme per registrare i video su TikTok: due ragazzi ricoverati in ospedale in gravi condizioni

Due giovani di 14 e 17 anni sono finiti in ospedale dopo aver cercato di portare a termine dei "TikTok Challenge". Il primo ha provato ad incendiare il tavolo di casa ma è rimasto ustionato, l'altro è salito sul vagone di un treno ma è rimasto folgorato da un cavo dell'alta tensione. Il social network si difende: "Rimuoveremo i contenuti che violano la nostra policy".