Mascherine Fca “nocive” consegnate alle scuole

I presidi dovranno ricercare e poi “quarantenare” i lotti di mascherine “non conformi” prodotte da Fca

Domani inizierà la scuola ma i presupposti non sono dei migliori. Secondo il quotidiano il Tempo lo scorso sei settembre dal ministero della Salute è partita una nota a quello dell’Istruzione: due lotti delle mascherine prodotte da Fca – ex Fiat-  e finite “quasi integralmente” negli istituti scolastici devono essere ritirati immediatamente a causa della loro “non conformità“.

Un avviso arrivato a soli sette giorni dal ritorno in classe in quasi tutta Italia e che scrive una parola forse definitiva su una vicenda – quella dei dispositivi di protezione prodotti dalla ex Fiat – che fin dall’inizio ha sollevato polemiche e sospetti. Nella nota del ministero della Salute si svela che è stata la stessa Fca Italy S.p.a. a segnalare i problemi dei lotti 00914086180 e 00914086190, prodotti nello stabilimento di Mirafiori tra la fine di agosto e la metà di dicembre 2020.

Peraltro, “in ragione delle modalità operative con cui la società S.D.A. ha curato la distribuzione”, non è possibile risalire la lista degli istituti a cui sono state effettivamente distribuite le mascherine incriminate. Il compito di individuarle passa quindi “a tutti gli istituti scolastici interessati” affinché “provvedano a individuare, non utilizzare e quarantenare – le eventuali giacenze”. Poi sarà “il fabbricante” a occuparsi del ritiro e, si immagina, dello smaltimento.

L’accordo tra l’allora governo Conte Bis e la Fca fu siglato nell’estate 2020, quando dall’Istituto superiore di Sanità arrivarono cinque autorizzazioni alla produzione: tre per le mascherine per adulti di tipo tradizionale, due per le mascherine di tipo pediatrico da distribuire sostanzialmente nelle scuole. Due gli stabilimenti di Fca interessati, quello di Mirafiori e quello di Pratola Serra.

A regime, l’ex Fiat avrebbe dovuto produrre 27 milioni di mascherine al giorno, oltre la metà del fabbisogno nazionale. Di cui 11 milioni per i più piccoli. È stato su queste ultime che, fin dall’inizio, si sono concentrate le polemiche. Sia per la scarsa vestibilità – in più casi erano risultate troppo piccole che per l’odore cattivo che emanavano. Ma, soprattutto, per i sospetti sul loro reale potere filtrante.

Alcune inchieste giornalistiche furono seguite dall’iniziativa del sindacato Usb e della onus Rete Iside che portarono le mascherine Fca in un laboratorio di analisi accreditato dal governo. Emerse che, mentre le mascherine prodotte nell’avellinese avevano tutti i requisiti richiesti per essere adottate, quelle fabbricate a Mirafiori filtravano molto meno di quanto previsto e dichiarato. Alle rassicurazioni dell’azienda e dell’allora commissario all’Emergenza Domenico Arcuri – “non c’è alcun problema di tossicità” – segui una denuncia dell’Usb alla Procura di Roma e alla Corte dei Conti a carico di Fca Italy con l’accusa di “frode in pubbliche forniture”, nel gennaio 2021.

Oggi, ammettendo con diversi mesi di ritardo la non conformità di due lotti, è la stessa ex Fiat a riconoscere l’esistenza del problema. Aprendo la strada anche a un possibile seguito della vicenda giudiziaria.

Total
1
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Messa: "Docenti controlleranno green pass agli studenti"

Next Article
Patrizio Bianchi in tv

Primo giorno di scuola, video del ministro Bianchi: “Ritrovarsi è una gioia grandissima”

Related Posts
Leggi di più

Mascherine a scuola, cresce il fronte di chi vorrebbe toglierle subito: “Con questo caldo un’inutile crudeltà verso gli studenti”

Il sottosegretario all'Istruzione Rossano Sasso (Lega) chiede al ministro Speranza di intervenire per modificare i protocolli e togliere l'obbligo di indossare il dispositivo di protezione a scuola viste anche le temperature record di questi giorni. Anche le associazioni dei genitori chiedono la revoca ma gli esperti frenano: "E' ancora presto".