Manifesti urbani d'arte

ManifestaZoone2010: concorso internazionale per manifesti urbani d’arte

ManifestaZoone2010: concorso internazionale per manifesti urbani d’arte
L’Associazione Art.ur in collaborazione con il Comune di Cuneo presenta la quarta edizione del concorso per manifesti urbani d’arte: manifestaZoone2010.
In partnership con la rassegna letteraria internazionale Scrittorincittà il progetto di arte pubblica propone una campagna di comunicazione in forma di manifesti di grandi dimensioni, su un tema di rilevanza sociale e culturale.
L’obiettivo del progetto è di stimolare la creatività informativa e portarla verso il vasto pubblico che quotidianamente transita in città.
I candidati devono produrre un elaborato grafico, atto alla stampa nelle dimensioni di 6 metri per 3 metri. L’elaborato vincitore o gli elaborati vincitori verranno stampati nelle dimensioni indicate ed affissi in più spazi della pubblica affissione della città di Cuneo.
Il tema a cui devono attenersi i candidati nella creazione dell’elaborato è: “last minute Hero”. Allusione agli idoli contemporanei, improvvisati, mediatici e mediatizzati, che esistono il tempo di un talk show o di un video su youtube e sono sottoposti, come la moda, all’incessante cambiamento del gusto.
La partecipazione al concorso è gratuita. Il candidato deve fornire il proprio elaborato in forma definitiva atta alla stampa entro il 12 maggio 2010.
Per tutte le informazioni: www.zooart.it

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Internet accessibile

Next Article

Regionali in Campania

Related Posts
Leggi di più

Facebook, in Europa 10mila posti lavoro in 5 anni

. "La regione sarà messa al centro dei nostri piani per aiutare a costruire il metaverso che ha il potenziale di aiutare a sbloccare l'accesso a nuove opportunità creative, sociali ed economiche", spiegano Nick Clegg, Vice Presidente Global Affairs del colosso di Menlo Park
Leggi di più

Salario minimo, cos’è e perché ce lo chiede l’UE

A riporta in auge il tema è una proposta rilanciata da Partito democratico e Movimento 5 Stelle. Tranne timide eccezioni, l'idea non sembra però raccogliere l'entusiasmo né delle parti sociali, né degli altri partiti di maggioranza. Eppure allargando lo sguardo, solo sei Paesi europei, Italia compresa, non possiedono una normativa del genere.