Manifestazioni: studenti rinviati a giudizio. Rischiano 5 anni di carcere

TORINO - SCONTRI TRA STUDENTI E FORZE DELL'ORDINE
La Polizia respinge una carica dei manifestanti – Fonte: Corriere.it

 

Studenti rinviati a giudizio – Durante una manifestazione tentarono di assaltare il Senato; ora per 12 studenti potrebbero aprirsi le porte del carcere.

I fatti risalgono a tre anni fa: il 24 novembre del 2010 un corteo studentesco arrivò fin sotto palazzo Madama dove ad attenderlo c’erano i cordoni della polizia. Tuttavia alcuni manifestanti riuscirono a forzare il blocco e ad entrare nell’androne del Senato, fin quasi alla porta a vetri che ne delimita l’accesso.

Adesso, per 12 di quei manifestanti arriva il rinvio a giudizio. Gravissima l’accusa: attentato contro gli organi costituzionali; un reato che prevede fino a 5 anni di reclusione in carcere. Il processo prenderà il via il prossimo 19 febbraio. A disporre il rinvio a giudizio è intervenuto il pubblico ministero Luca Tescaroli.

La manifestazione sotto processo era giunta a Palazzo Madama per protestare contro l’approvazione del decreto Gelmini. L’irruzione dei manifestanti rappresentò il primo caso nella storia della Repubblica Italiana in cui un gruppo di manifestanti sia riuscito a entrare nel Palazzo del Senato.

 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

I dieci divieti più assurdi nelle scuole americane

Next Article

Premio tesi di laurea: 3.000 euro al miglior elaborato

Related Posts
Leggi di più

Ricerca, online il bando del Ministero per finanziare i progetti di interesse nazionale. Messa: “Pronti 749 milioni di euro”

E' online il bando, finanziato in parte con le risorse del PNRR, che stanzia quasi 750 milioni di euro per lo sviluppo della ricerca italiana. Dei 749 milioni, circa 223 milioni - il 30% del totale - sono destinati a progetti presentati da professori o ricercatori con meno di 40 anni. Il ministro Messa: "Vogliamo incentivare i giovani a sviluppare ambiziosi progetti di ricerca di base".
Leggi di più

Percorsi di studio “transnazionali” e un’unica carta dei diritti per gli studenti: ecco l’università “europea” immaginata dalla ministra Messa

Dopo 23 anni dalla Dichiarazione di Bologna, i ministri europei dell'Università si sono ritrovati a Parigi per ridisegnare il futuro dell'istruzione accademica. La ministra Maria Cristina Messa: "Obiettivo è creare un'offerta transnazionale, internazionalizzando i percorsi di studio e disponendo una carta europea dello studente".