Maestre in attesa di un incarico, supplica e ceri davanti al municipio

Un sit-in davanti al municipio di Napoli con ceri e suppliche, come per una cerimonia religiosa, è stato organizzato in serata dalle maestre di scuole materne ed asili di Napoli che lamentano il mancato conferimento dell’incarico per garantire ai circa ottomila bambini ospiti delle scuole comunali assistenza durante la refezione e per i turni prolungati.

Il provvedimento, così come accade ogni anno, dovrebbe riguardare 366 maestre ma ad oggi, nonostante il Comune abbia già annunciato la partenza del servizio refezione per il 5 novembre, nessuna delle aventi diritto ha ricevuto comunicazione.

«Temiamo – spiega uno dei sindacalisti presenti alla protesta – che anche questo servizio possa rientrare nei tagli che il Governo ha chiesto all’amministrazione comunale. Provvedimenti che, oltre alla perdita di occupazione e impiego, inevitabilmente ricadranno sulle spalle dei cittadini ai quali non si potrà garantire l’erogazione di servizi basilari come appunto l’assistenza nelle scuole materne e negli asili».

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

In Bulgaria i resti della più antica città preistorica

Next Article

Ladri in casa Fornero

Related Posts
Leggi di più

Mascherine a scuola, cresce il fronte di chi vorrebbe toglierle subito: “Con questo caldo un’inutile crudeltà verso gli studenti”

Il sottosegretario all'Istruzione Rossano Sasso (Lega) chiede al ministro Speranza di intervenire per modificare i protocolli e togliere l'obbligo di indossare il dispositivo di protezione a scuola viste anche le temperature record di questi giorni. Anche le associazioni dei genitori chiedono la revoca ma gli esperti frenano: "E' ancora presto".