Macerata, in biblioteca dopo cena

Gli studenti dell’Università degli Studi di Macerata a partire da marzo avranno la possibilità di utilizzare i locali della biblioteca didattica d’ateneo anche dopo cena, fino alle ore 23.00.

Gli studenti dell’Università degli Studi di Macerata a partire da marzo avranno la possibilità di utilizzare i locali della biblioteca didattica d’ateneo anche dopo cena, fino alle ore 23.00. La richiesta, che già da tempo aveva assunto una certa portata tra gli studenti, finalmente ha trovato l’approvazione del Magnifico Rettore d’ateneo Luigi Lacchè.

“Già dal 2007 si pensava di tenere aperta una biblioteca dopo cena e questa esigenza è stata ribadita dai rappresentanti degli studenti. Esserci finalmente riusciti costituisce un fatto molto positivo” ha dichiarato il Rettore. Lo spazio, sito all’interno del Palazzo del Mutilato, sarà fruibile nei giorni di maggiore attività della vita universitaria, quando la città accoglie il maggior numero di studenti ovvero ogni martedì, mercoledì e giovedì della settimana a partire dalle 08.30 del mattino.

Questa nuova opportunità non ha solo fine didattico, gli studenti infatti potranno usufruire della navigazione in internet tramite il wi-fi gratuito e inoltre il servizio caffetteria all’interno del palazzo resterà aperto fino alla chiusura della biblioteca, in questo modo la struttura sarà un luogo di incontro e socializzazione per i giovani dell’ateneo. 

Stefano Perri, Direttore del Centro per i servizi bibliotecari, ha espresso sincero entusiasmo per l’iniziativa poiché, come ha egli stesso affermato, l’apertura serale delle biblioteche è già molto diffusa all’estero ed è importante garantire questo genere di servizi anche nel nostro Paese.

“Spero che le rappresentanze studentesche dimostrino progettualità per valorizzare questo luogo. Dobbiamo essere consapevoli che oggi è difficile anche tenere aperta una biblioteca. Chi vuole costruire in questa università da me troverà sempre la porta aperta” ha dichiarato il Rettore.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Nasce la Rete Universitaria Cile - Italia

Next Article

Napolitano all'Università dell'Insubria

Related Posts
Leggi di più

Rientro dei cervelli in fuga, la ministra Messa ci crede: “Abbiamo messo sul piatto 600 milioni di euro”

In Senato la ministra dell'Università ha confermato l'importante stanziamento del Governo grazie ai fondi del PNRR riguardo al programma di rientro dei ricercatori italiani che sono andati a lavorare all'estero. E sul no della Gran Bretagna per il visto speciale per i nostri laureati: "Noi siamo diversi da loro e accogliamo chiunque abbia le capacità di innovare".