La Sorbona contro il presidente Sarkozy

sorbona.jpgSe il semestre che si sta concludendo è sembrato turbolento qui da noi, non è stato certo da meno in Francia. Da mesi infatti va avanti una forte manifestazione di dissenso contro i progetti di riforma del sistema di istruzione superiore del presidente Nicolas Sarkozy. Proprio l’altra sera l’università della Sorbona, a Parigi, è stata occupata da circa 250 studenti. Ma il tutto è durato poche ore perché è presto intervenuta la polizia che ha sgombrato i locali dell’ateneo.
L’intrusione degli studenti nella Sorbona è arrivata a sorpresa al termine di una manifestazione alla quale hanno partecipato fra le 15.000 e le 30.000 persone per contestare le nuove leggi sulla scuola e sulla formazione degli insegnanti-ricercatori.
Il malcontento del mondo universitario francese non è diminuito neanche dopo che Valerie Pecresse, ministro dell’Università, ha acconsentito a rivedere i suoi progetti di riforma. a ad essere sotto attacco in realtà è proprio il presidente Sarkozy, pesantemente criticato per aver “oltraggiato” gli scienziati e docenti in un discorso del 22 gennaio in cui li accusava di essere contrari al cambiamento e meno efficienti dei loro colleghi britannici e americani.
Su Le Monde del 19 febbraio, in un articolo intitolato “Insegnanti-ricercatori: le ragioni di una rivolta” di Catherine Rollot si legge: “Questo clima di sospetto è stato alimentato dalle parole del presidente della Repubblica. Gli universitari sono stati martoriati dal discorso tenuto da Nicolas Sarkozy, il 22 gennaio, giudicato ‘brutale e carico di disprezzo’ da Danièle Hervieu-Léger, direttrice dell’Ecole des hautes études en Sciences sociales (EHESS).
Un clima di vera rottura, insomma, proprio mentre intorno al Presidente Sarkozy cresce la tensione anche per la sua politica economica.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Trento, riapre la sede storica di Sociologia

Next Article

Obama, poker di Harvard nel team

Related Posts
Leggi di più

“Foto osé in cambio della sufficienza”: chiuse le indagini nei confronti del prof di matematica. Nei guai anche la preside che non denunciò

La Procura di Cosenza ha chiuso le indagini preliminari sul caso delle presunte molestie al liceo "Valentini-Majorana" di Castrolibero. Il docente accusato di violenza sessuale, tentata violenza sessuale, molestie sessuali e tentata estorsione. In un caso chiese a una ragazza di scattarsi una foto del seno se voleva ottenere il 6 nella sua materia.