L’Università di William e Kate apre una inchiesta sulla Siria

L’università di St. Andrews, la stessa dove si sono laureati il principe William e la futura sposa Kate Middleton, ha aperto un’inchiesta interna sui legami dell’ateneo con la Siria. Si è scoperto infatti che il suo Centro di studi siriani è stato in parte finanziato dal regime di Damasco.

L’università di St. Andrews, la stessa dove si sono laureati il principe William e la futura sposa Kate Middleton, ha aperto un’inchiesta interna sui legami dell’ateneo con la Siria. Si è scoperto infatti che il suo Centro di studi siriani è stato in parte finanziato dal regime di Damasco. Il centro è stato creato grazie a un finanziamento di 105 mila sterline raccolte da una fondazione basata in Gran Bretagna con l’aiuto dell’ambasciatore siriano Sami Khiyami, lo stesso al quale oggi è stato ritirato l’invito al matrimonio, e il suocero del presidente Bashir al-Assad Fawaz Akhras, un cardiologo che vive nel Regno Unito.

I legami del Centro con il regime siriano sono stati messi in luce oggi dal Guardian e subito l’università ha fatto sapere di aver aperto un’inchiesta alla luce della repressione delle proteste in questi giorni in Siria. L’ambasciatore Khiyami fa parte del board del Centre for Syrian Studies assieme ad altri individui legati al gruppo dirigente a Damasco.

Fonte: Ansa

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Un ballerino per Vasco

Next Article

Ires-Cgil: professionisti a quali condizioni?

Related Posts
Leggi di più

Maturità senza mascherine? Si apre uno spiraglio: “Con pochi contagi a giugno si possono eliminare”

Continua il dibattito sull'eliminazione delle mascherine a scuola. L'Italia è l'unico Paese in Europa che ha mantenuto l'obbligo di indossarle in classe per gli studenti ma cresce il pressing per eliminarle almeno durante gli esami di maturità e quelli della scuola media. Gli esperti: "Se il tasso di positività si abbasserà dall'attuale 13% al 10% ai primi di giugno allora potremo ragionare sull'eliminazione"