L'ultima richiesta di Umberto Eco nel suo testamento: "Niente convegni su di me per i prossimi 10 anni"

DVD 613 (23-05-13) Umberto Eco, escritor y filósofo italiano. ‘ Cristobal Manuel Photo via Newscom/elpphotos024012/1305241709

“Niente convegni su di me per i prossimi 10 anni”, a chiederlo è lo stesso Umberto Eco nel suo testamento recentemente aperto dagli eredi intellettuali e materiali del suo lavoro. Una doccia fredda per i colleghi che, a pochi mesi dalla scomparsa del maestro, stavano già organizzando una grande manifestazione internazionale a lui dedicata presso l’Alma Mater per commemorare il primo anno della scomparsa.
A riportare la notizia contenuta nel testamento di Umberto Eco è stata la moglie dell’illustre semiologo, Renate, che ha immediatamente contattato Patrizia Violi, una delle più strette collaboratrici di Eco all’Università di Bologna: “Nel testamento ci chiede, a me e ai nostri figli, di non promuovere o autorizzare convegni su di lui per 10 anni – spiega la professoressa Violi – quando ce lo diceva non gli davamo peso, l’ha fatto per davvero, diavolo di un prof”. 
Una decisione in pieno stile Eco, spiazzante, ma anche ponderata, paradossale ma carica di prospettiva: “Personalmente mi sembra una scelta nel suo stile e giusta, un’idea geniale – commenta Violi – Ha voluto evitare la massa di convegni di circostanza e invitare a una riflessione più a lungo termine, ponderata. Sì, ogni tanto lo diceva che non avrebbe voluto giornate di studi a lui dedicate. Ma ora ci sono le sue volontà: un invito a chi voleva fare convegni, seppure con ottime intenzioni e per onorarlo, a fermarsi. Lo stesso rettore ce lo aveva chiesto, a questo punto non si farà. Ci atterremo a questo suo desiderio”.
Un veto che verrà certamente rispettato dagli accademici bolognesi ma che, con ogni probabilità, non otterrà la stessa adesione al di fuori dei confini nazionali: “Noi non faremo convegni e non vi parteciperemo se saranno organizzati da altri – spiegano gli accademici intervistati da La Repubblica – tra dieci anni ci penserà chi verrà dopo di noi”.
 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

La rassegna stampa di martedì 22 marzo

Next Article

PON 2014-2020: il MIUR ricerca 34 esperti per attività di supporto

Related Posts
Leggi di più

Pronti gli aumenti per le borse di studio: per gli studenti fuori sede ci sono 900 euro in più

Il decreto del Ministero dell'Università che fissa i nuovi criteri per l'assegnazione delle borse di studio è al vaglio della Corte dei conti e sta per entrare in vigore. Previsto un aumento medio di 700 euro per ogni studente ma per alcuni casi gli importi saranno anche superiori: per chi studia lontano da casa e non è assegnatario di un posto letto l'assegno passerà da 5.257,74 a 6.157,74 euro.
Leggi di più

Lavorare dopo la maturità? Ce la fa solo il 38% dei diplomati. Strada in discesa solo per chi ha fatto il “tecnico” o il “professionale”

Un'indagine del Ministero dell'Istruzione e del dicastero del Lavoro fotografa la situazione lavorativa degli studenti dopo la fine dell'esame di maturità: solo il 38,5% dei ragazzi che si sono diplomati nel 2019 è riuscito a trovare un lavoro negli anni successivi. Numeri più confortanti per chi è uscito da un istituto tecnico o commerciale: uno diplomato su due già lavora.