L’Onda ritorna in piazza

okokkk.bmpIn piazza per chiedere fondi e ribadire che nessuna riforma si può fare sulla testa dell’Università che deve rimanere pubblica. Al grido di “noi la crisi non la paghiamo” l’Onda ritorna ad invadere le strade della capitale.

I ragazzi dell’Onda sono circa un centinaio, almeno quelli che questa mattina hanno iniziato a radunarsi di fronte all’ingresso dell’università “la Sapienza”. Insieme a loro docenti, ricercatori precari e studenti, tutti in corteo, diretti verso piazza della Repubblica. Marciano insieme per dimostrare il loro disappunto sulla riforma Gelmini e sui tagli all’università e alla ricerca.

Tanti gli striscioni che vengono esibiti in strada e sulle colonne del primo ateneo romano: “Contro questa riforma” si legge dall’alto delle colonne della Sapienza e “solidarietà ai compagni russi”. “I privati del sapere…riprendiamocelo!”, “sempre in fermento” e ancora, “contro la privatizzazione i tagli e i licenziamenti”.

Tra i primi a manifestare il malcontento e la poca chiarezza nei confronti degli studenti è Francesco Raparelli, dottorando precario della Sapienza, uno dei portavoce del movimento dell’Onda. “Il rettore Frati ci dimostri una volta per tutte da che parte sta, dica pubblicamente che questo ddl va respinto, come respinti devono essere i tagli al sapere pubblico e alla ricerca”. “Nel processo di autoriforma messo in atto all’interno dell’università – ha aggiunto – ricercatori e studenti non sono stati minimamente coinvolti ed invece si dovrebbe avviare un confronto proprio con il corpo vivo dell’università”.

Partita da piazzale Aldo Moro si sta ora dirigendo verso piazza della Repubblica.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

200 operatori nel call center di Salerno

Next Article

Web designer esperti per Corriereuniv.it

Related Posts
Leggi di più

Un’intera classe in sciopero contro il compagno bullo. I genitori: “Da due anni i nostri bambini vivono in un incubo”

Scoppia la protesta contro il bullismo in un istituto di Jesi, in provincia di Ancona. Quattordici genitori decidono di non mandare più i loro figli a scuola per la presenza di un bambino che avrebbe atteggiamenti violenti contro di loro, denunciando denti rotti, Amuchina negli occhi, insulti e minacce. La preside: "Problema c'è ma è stato ingigantito".