Lombardia: primato di bidelli lavativi?

bidelli lombardia

Sfatato il luogo comune del Sud scansafatiche: i collaboratori scolastici di Como sono più assenteisti di quelli presenti nel meridione.
Si assentano quattro volte di più rispetto ai docenti e 20 volte di più rispetto agli altri bidelli presenti nelle scuole private.

Pare, inoltre, che il 20% di essi non possa lavorare a pieno servizio perché non può sollevare pesi o ricoprire mansioni eccessivamente stancanti.

La Lombardia possiede il primato nazionale per le assenze degli assistenti scolastici.
A Milano e Monza il numero di assenze è pari a 21 giorni all’anno. Seguono Como, con 18 assenze, e  Bergamo e Cremona, dove i bidelli rimangono a casa per 15 giorni.
“Non credo manchino le risorse. Il problema non è il numero dei lavoratori. Piuttosto, il 20% del personale è sotto-utilizzabile. Per la ridotta capacità di lavoro, non può sollevare pesi, fare pulizie, sono inabilità certificate”, ha chiarito il dirigente dell’ufficio scolastico provinciale, Claudio Merletti.
AZ

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Delitto di Udine: è giallo. Prova di guida per le studentesse

Next Article

#mobilitànuova: pendolari in protesta su Twitter

Related Posts
Leggi di più

Giro di vite sui baby influencer: certificazione per accedere ai social e stop alla gestione dei profitti da parte dei genitori

Il Tavolo tecnico sulla tutela dei diritti dei minori nel contesto dei social network sta preparando un documento da presentare alla ministra Cartabia per cercare di dotare di nuove regole la "giungla" che riguarda i minori in rete. L'esempio da seguire è quello della Francia che ha approvato da poco tempo una legge ad hoc.
Leggi di più

Sfide estreme per registrare i video su TikTok: due ragazzi ricoverati in ospedale in gravi condizioni

Due giovani di 14 e 17 anni sono finiti in ospedale dopo aver cercato di portare a termine dei "TikTok Challenge". Il primo ha provato ad incendiare il tavolo di casa ma è rimasto ustionato, l'altro è salito sul vagone di un treno ma è rimasto folgorato da un cavo dell'alta tensione. Il social network si difende: "Rimuoveremo i contenuti che violano la nostra policy".