Lo studio: saltare la colazione aumenta il rischio di diventare obesi e soffrire di diabete

saltare la colazione 2

Saltare la colazione, sopratutto da giovani, aumenta il rischio di diventare obesi o di soffrire di diabete. Lo afferma uno studio scientifico della Umea University, in Svezia.

La ricerca, pubblicata suPublic Health Nutrition, ha preso in esame un campione di 889 soggetti, tutti abitanti della piccola città di Lulea,  e ne ha monitorato le abitudini alimentari dal 1981 (quando i soggetti avevano solo 16 anni) fino al 2008 (43 anni). Confrontando i dati raccolti, gli studiosi svedesi hanno notato come chi aveva cattive abitudini alimentari da giovane, in particolare chi saltava la colazione o beveva solo qualcosa di caldo al mattino, avesse sviluppato maggiormente (del 68%) il rischio di sviluppare sindromi metaboliche.

“Le cattive abitudini a 16 anni predicono la comparsa della sindrome metabolica a 43, indipendentemente da altri fattori come lo stile di vita a l’indice di massa corporea – spiegano gli autori dello studio – Inoltre l’abitudine di trascurare la colazione durante l’adolescenza è connessa con un maggiore aumento di peso e un più elevato livello di glucosio nel sangue da adulti”.

La sindrome metabolica, infatti, piuttosto che una vera e propria malattia è un insieme di fattori che aumentano il rischio di incorrere in problemi cardiovascolari. La ricerca svedese ha mostrato come nel 2008, il 27% dei soggetti sottoposti a studio avesse sviluppato sintomi che preannunciano la comparsa del disturbo. “Può essere che mangiare bene a colazione aiuti a mantenere una dieta sana per il resto della giornata” ha concluso l’autore principale dello studio, Maria Wennberg.

Mangiare sano aiuta la salute, certo, ma anche farlo nei momenti giusti della giornata, evidentemente, ha la sua importanza.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

VIDEO - All'Università di Torino Medicina si studia così...

Next Article

Eni azienda più amata dai neolaureati italiani

Related Posts
Leggi di più

Sapienza, Bologna e Padova le tre migliori università italiane secondo la classifica Artu. Nel mondo a guidare è Harvard

Pubblicata la classifica redatta dall'University of New South Wales di Sydney che unisce in un unico indice i tre ranking mondiali più influenti: Quacquarelli Symonds (Qs), Times Higher Education (The) and the Academic Ranking of World Universities (Arwu). La prima italiana, La Sapienza di Roma, si piazza al 155esimo posto, l'ultima (il Politecnico di Torino) al 370esimo.
Leggi di più

Pronti gli aumenti per le borse di studio: per gli studenti fuori sede ci sono 900 euro in più

Il decreto del Ministero dell'Università che fissa i nuovi criteri per l'assegnazione delle borse di studio è al vaglio della Corte dei conti e sta per entrare in vigore. Previsto un aumento medio di 700 euro per ogni studente ma per alcuni casi gli importi saranno anche superiori: per chi studia lontano da casa e non è assegnatario di un posto letto l'assegno passerà da 5.257,74 a 6.157,74 euro.