Lo stage dalle uova d'oro

Nessun errore di zeri nell’annuncio, ma solo una retribuzione senza paragoni, quella offerta dalla Reve-prive.com al suo futuro stagista. Circa 10 mila euro al mese, a tanto infatti ammonterebbe la cifra che il fortunato potrebbe intascare una volta messo piede nella società che si occupa di concorsi on line.

Nessun errore di zeri nell’annuncio, ma solo una retribuzione senza paragoni, quella offerta dalla Reve-prive.com al suo futuro stagista. Circa 10 mila euro al mese, a tanto infatti ammonterebbe la cifra che il fortunato potrebbe intascare una volta messo piede nella società che si occupa di concorsi on line.
Ma chi potrebbe aggiudicarsi “la vincita”? L’azienda guarda a studenti tra i 18-27 anni, appassionati di web e con una propensione verso il marketing. Registrarsi sul sito, acquistare dei crediti (per 5 euro) e rispondere ad un questionario sul marketing sono i primi 3 passi da fare. Invece per sconfiggere la concorrenza, in questo caso veramente agguerrita e tanta, meglio concentrarsi sulla velocità. Il lavoro, assicurano dalla società, sarà dato a chi risponderà con maggiore rapidità alle domande.
Oltre a ospitare uno degli stagisti più “fedeli”della storia, la Reve-prive.com, in realtà, mira ad aggiudicarsi un po’ di popolarità. “L’obiettivo è far parlare di noi”, ha confessato uno dei responsabili della società, Quentin Clarisse, intervistato da Le Post.fr. “Abbiamo lanciato la nostra società nel settembre scorso, volevamo cercare un mezzo per fare parlare di noi. In più avevamo bisogno realmente di uno stagista e abbiamo deciso di lanciare un concorso”.
Un concorso che se non bada a spese, punta però al periodo limitato. La pubblicità ricavata dall’annuncio sicuramente perdurerà di più dellostagista. Nulla infatti è per sempre. E in questo caso il sogno dura solo 3 mesi.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Lavoro: cultura della sicurezza

Next Article

Auguri dottori!

Related Posts
Leggi di più

Altro che tesoro! In Italia chi trova un amico… trova un lavoro

Secondo un'indagine Inapp-Plus negli ultimi dieci anni quasi un lavoratore su quattro ha trovato occupazione tramite amici, parenti o conoscenti. Solo il 9% grazie a contatti stabiliti nell'ambiente lavorativo. Un sistema che ha delle ripercussioni anche su stipendi e mansioni (al ribasso).