Lavoro: cultura della sicurezza

“Prevenzione e aggiornamenti delle norme per diminuire gli incidenti sul lavoro”

Prevenzione e aggiornamenti delle norme per diminuire gli incidenti sul lavoro” così il professore Fabrizio Leccisi ha aperto il convegno “La cultura e la sicurezza” che si è tenuto presso la facoltà di Ingegneria Federico II di Napoli.
I 1000 morti e gli oltre 900.000 feriti causati da incidenti sul lavoro nel 2009 sono numeri da non trascurare e proprio per questo il Lions Club Castel Sant’Elmo ha promosso e organizzato l’evento.
Il professor Leccisi ha poi approfondito il tema delle “Teorie degli infortuni” con un excursus sulla storia delle normative e il passaggio dalla responsabilità extracontrattuale a quello contrattuale fino ad arrivare all’introduzione della disciplina specifica nel codice civile.
Con immagini in gran parte dedicate a voti alla Madonna fatti da persone scampate a incidenti sul lavoro, la professoressa Tina Santillo ha poi tracciato un profilo degli incidenti e delle innovazioni che si sono succedute nel tempo con l’introduzione delle assicurazioni contro gli infortuni e successivamente del Testo Unico approvato nel 2008.
Si è poi passati dalla teoria alla pratica con l’intervento dell’ingegner Carmine Piccolo del dipartimento Ispesl che ha sottolineato l’importanza della formazione per i lavoratori e dell’applicazione delle norme esistenti per prevenire gli infortuni. Per Piccolo è fondamentale anche un’interazione fra gli enti pubblici e le imprese a garanzia dell’incolumità dei lavoratori.
L’etica è alla base di tutto” ha dichiarato il dottor Ciro Burattino dei Lions che ha chiuso il dibattito indicando nella voglia di profitto a tutti i costi una delle principali cause delle tragedie che colpiscono troppo spesso persone che stanno solo svolgendo solo il proprio lavoro.
Giuseppe Porcelli

Total
0
Shares
1 comment
  1. Molto interessante ma purtroppo si parla ancora troppo di norme e procedure. Bisogna incominciare ad agire con azioni pratiche che possano essere facilmente utilizzate dalle PMI e soprarttutto dai lavoratori stranieri. Cultura della Sicurezza non deve essere qualcosa di filosofico ma di direttamente applicabile: metodi e strumenti per agire sui COMPORTAMENTI.
    Vi segnalo il sito che abbiamo realizzato con Agenzia Europea http://www.sicuro.it
    Dr.antonio susta
    Air LIquide Welding

Lascia un commento
Previous Article

Università, studenti, lavoro

Next Article

Lo stage dalle uova d'oro

Related Posts
Leggi di più

Ricerca, online il bando del Ministero per finanziare i progetti di interesse nazionale. Messa: “Pronti 749 milioni di euro”

E' online il bando, finanziato in parte con le risorse del PNRR, che stanzia quasi 750 milioni di euro per lo sviluppo della ricerca italiana. Dei 749 milioni, circa 223 milioni - il 30% del totale - sono destinati a progetti presentati da professori o ricercatori con meno di 40 anni. Il ministro Messa: "Vogliamo incentivare i giovani a sviluppare ambiziosi progetti di ricerca di base".
Leggi di più

Percorsi di studio “transnazionali” e un’unica carta dei diritti per gli studenti: ecco l’università “europea” immaginata dalla ministra Messa

Dopo 23 anni dalla Dichiarazione di Bologna, i ministri europei dell'Università si sono ritrovati a Parigi per ridisegnare il futuro dell'istruzione accademica. La ministra Maria Cristina Messa: "Obiettivo è creare un'offerta transnazionale, internazionalizzando i percorsi di studio e disponendo una carta europea dello studente".