L’italiano Parisi è Nobel per la fisica

Giorgio Parisi ha vinto il Nobel per la fisica con il giapponese Syukuro Manabe e il tedesco Klaus Hasselmann per i contributi “alla comprensione dei sistemi fisici complessi”. “Sono felice, non me l’aspettavo”, ha commentato l’italiano

L’italiano Giorgio Parisi , 73 anni, ha vinto il Nobel per la Fisica, insieme al giapponese Syukuro Manabe e il tedesco Klaus Hasselmann. Il premio è stato assegnato «per i contributi innovativi alla comprensione dei sistemi fisici complessi». Il premio, assegnato dalla Accademia reale svedese delle Scienze ha il valore di poco meno di 1 milione di euro.

Sono felice, non me lo aspettavo, ma sapevo che avrebbero potuto esserci delle possibilità”, ha detto Parisi in collegamento con l’Accademia delle Scienze di Stoccolma. “Il Nobel sarebbe dovuto andare anche a Nicola Cabibbo”, ha detto il neopremiato, che nel 2008 aveva duramente criticato le scelte dell’Accademia svedese delle scienze che esclusero Cabibbo (morto nel 2010) dal premio. “Il Nobel – ha aggiunto – è un riconoscimento importante per la scienza italiana, che avrebbe potuto prendere svariati Nobel nella fisica e in altre discipline”.

Le motivazioni del Nobel

Le ricerche del 90enne Manabe e di Hasselmann, 89 anni, hanno contribuito a definire “la modellazione fisica del clima terrestre, quantificando la variabilità e prevedendo in modo affidabile il riscaldamento globale”; quelle di Parisi hanno riguardato “la scoperta dell’intera zione tra disordine e fluttuazioni nei sistemi fisici dalla scala atomica a quella planetaria“. Le sue scoperte — si legge nelle motivazioni del Nobel — “sono tra i contributi più importanti alla teoria dei sistemi complessi”. Quello assegnato a Parisi è stato quasi un “Nobel annunciato”. Poche settimane fa, infatti, lo scienziato – primo italiano – era entrato nella prestigiosa lista Clarivate Citation Laureates, considerata una sorta di “anticamera del Nobel”.

Chi è Parisi

Parisi è presidente della classe di Scienze fisiche, matematiche e naturali dell’Accademia dei Lincei, ordinario di Fisica teorica dell’Università La Sapienza di Roma e ricercatore associato dell’Istituto nazionale di fisica nucleare (Infn). Recentemente gli era stato assegnato il premio Wolf (2021) e in precedenza aveva ottenuto altri importanti riconoscimenti come la Medaglia Boltzmann (1992), la Medaglia Dirac per la fisica teorica (1999) e la Medaglia Max Planck (2011). Nato a Roma nel 1948, Parisi è stato presidente dell’Accademia dei Lincei dal 2018 al 2021.

Le ricerche


Non è facile riassumere gli ambiti degli studi di Giorgio Parisi, che hanno spaziato in numerosi campi. Le sue ricerche sulla teoria dei materiali disordinati e dei processi casuali descrivono fenomeni diversi e in apparenza del tutto casuali e hanno trovato applicazioni in diverse discipline, come la fisica, la matematica, la biologia, le neuroscienze e l’apprendimento automatico. Un «sistema complesso» è una struttura composta da sottosistemi che possono interagire tra di loro con un meccanismo di retroazione (feedback) che ne influenza il comportamento e i risultati. Quindi va studiato nella sua interezza e complessità per cercare di capirne il funzionamento.

Per quanto riguarda la fisica delle particelle, per esempio, le sue analisi hanno aiutato nella comprensione della dinamica delle collisioni protone-protone negli acceleratori di particelle come l’Lhc del Cern. «Il grande merito di Parisi è stato non solo l’aver sempre contribuito in modo determinante ai settori cui si è dedicato, ma averlo anche fatto precorrendo i tempi», ha detto Antonio Zoccoli, presidente dell’Istituto nazionale di fisica nucleare. Altri settori di applicazione hanno riguardato la meccanica statistica, i vetri di spin, la materia condensata e i supercomputer. Le ricerche di Parisi dimostrano come la

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Concorsi universitari truccati a Medicina: c'è anche l'infettivologo Galli tra gli indagati

Next Article

Lorenzo, genio della matematica: a 14 anni è già iscritto all'univerisità

Related Posts
Leggi di più

Green pass Day, regole controlli e eccezioni

Per i dipendenti che non hanno esibito la certificazione verde all’ingresso del luogo di lavoro è scattata da subito l’assenza ingiustificata e la sospensione dello stipendio, senza perdere il loro rapporto di lavoro, fino all’esibizione del Green pass.