Linee di Nazca a rischio

Le linee di Nazca subiscono le intemperie del progresso. Denuncia dal centro studi precolombiani a Milano

Le linee di Nazca stanno lentamente scomparendo. Questo il dato allarmante denunciato dal Centro italiano di studi precolombiani di Milano. A trasformare il territorio rifiuti, strade, una sempre più crescente urbanizzazione e il progresso tecnologico.

I famosissimi geroglifici sono costituiti da più di 12mila linee tracciate tra il 300 a.C. e il 500 d.C e sono una grande attrattiva turistica per milioni di turisti ogni anno.

In un’intervista al Corriere della Sera, il direttore del centro Giuseppe Orefici, ha spiegato: “Sicuramente il fatto che la Panamericana transiti sui geoglifi, tagliando alcune figure e alcune linee, non è stato un bene per la conservazione delle gigantesche incisioni nel terreno per cui Nazca è nota in tutto il mondo”. “In più, recentemente sono cresciute a dismisura le espansioni urbane, volute dai politici locali che utilizzano per fini elettorali le “invasioni”. Non solo permesse dallo Stato peruviano, ma sono anche oggetto di compra-vendita, con il benestare del ministero della Cultura, e che hanno cambiato il volto del deserto dell’area di Nazca e della pampa dove si trovano le linee. Anche il solco per interrare i cavi di fibre ottiche della compagnia spagnola Telefónica», aggiunge Orefici, «e che corre parallelamente alla Panamericana ha notevolmente compromesso la parte dei geoglifi che si trovano vicini all’importante asse stradale. In più, anche l’industria estrattiva, soprattutto di oro e rame, ha determinato uno scempio terribile dal punto di vista ecologico, paesaggistico, idro-geologico e di conseguenza un grande danno alle testimonianze archeologiche».

Total
0
Shares
1 comment
  1. lo scempio dei geoglifi, non solo di quelli di Nazca, ma in generale è una cosa voluta e scientemente pianificata; sono profondamente convinto che i geoglifi, siano una parte importante della storia dell’umanità e che esprimano qualcosa di profondamente diverso dal significato “artistico” che gli si attribuisce, probabilmente si tratta di un linguaggio simvolico che va decifrato; comunque in linea generale dato che la tecnica “geoglifica e/o petroglifica” sembra essere retaggio di molte civiltà sparse per il globo, potrebbe essere una ulteriore indicazione che in tempi remoti vi fosse già una civiltà globale, se non uguale alla odierna, ma sicuramente assai simile.

    Mi permetto di segnalare quelti link;
    https://phoo34.wordpress.com/2012/08/24/i-geoglifi-del-sinai-ia-parte/
    https://phoo34.wordpress.com/2012/08/24/i-geoglifi-del-sinai-iia-parte/
    https://phoo34.wordpress.com/2012/08/24/i-geoglifi-del-sinai-iiia-parte/

Lascia un commento
Previous Article

Siena: borse per studenti e docenti

Next Article

Processi in scena al Benincasa

Related Posts
Leggi di più

Ucraina, niente vacanze estive per gli studenti di Mariupol: “Russi iniziano la loro propaganda a scuola”

L'occupazione russa della città simbolo della guerra in Ucraina comincia ad avere le prime ripercussioni: gli studenti non faranno le vacanze estive e andranno a scuola fino al 1 settembre. Secondo il governo di Kiev l'esercito di Putin vuole de-ucrainizzare gli scolari e prepararli al curriculum russo che dovranno studiare il prossimo anno scolastico.
Leggi di più

Studentessa muore a pochi esami dalla laurea: l’università la proclamerà lo stesso “dottoressa”

Irene Montuccoli avrebbe compiuto oggi 22 anni. E' morta nei giorni scorsi in seguito a dei forti mal di testa. Sul suo decesso la Procura di Reggio Emilia ha aperto un fascicolo perché la ragazza, che era andata più volte al Pronto soccorso, era sempre stata dimessa. Irene era appassionata di motori e stava per laurearsi in Ingegneria del veicolo. L'ateneo di Modena e Reggio Emilia ha avviato l'iter per la laurea alla memoria.