L’Impresa culturale nel Mediterraneo

VI edizione della Summer School “L’Impresa culturale nel Mediterraneo”

Dal 3 al 9 ottobre a Procida si terrà la VI edizione della Summer School “L’Impresa culturale nel Mediterraneo”.

Tre i principali obiettivi del corso:
1. Consentire a studenti formati in Università delle due sponde del Mediterraneo di incontrarsi in un momento formativo comune e condiviso; 2. Mettere a disposizione di questa platea interculturale uno scambio di conoscenze e una serie di figure intellettuali docenti delle due sponde del Mediterraneo; 3. Consentire, altresì, a questa platea di incontrarsi con esponenti del mondo del lavoro e delle professioni al fine di una più precisa conoscenza delle opportunità reciproche in ambito lavorativo offerte sulle due sponde.

I Focus di questa edizione sono:
Le forme della comunicazione; Città e nuovi spazi urbani; Musei e luoghi della memoria; Nuovo modello sociale; Eventi culturali; Nuovi modelli formativi.

Per l’edizione 2011 sono disponibili 15 borse di studio per giovani laureati italiani e stranieri (max 35 anni) che risiedono nei paesi del Mediterraneo a copertura dei costi d’iscrizione ( 500 euro). La scadenza per la presentazione della domanda di partecipazione è il 6 settembre 2011 e questa dovrà pervenire in carta semplice entro tale data presso il CIREM – Via Melisurgo 44, 80133 Napoli (ITALIA).

Per tutte le informazioni inviare una e-mail all’indirizzo [email protected]

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Professione giurista

Next Article

Ferragosto, estate salata per chi sceglie il mare

Related Posts
Leggi di più

Gran Bretagna, niente visto speciale per i nostri laureati: le università italiane considerate “troppo scarse”

Il governo britannico mette a disposizione una "green card" per attrarre giovani talenti e aggirare così le stringenti regole imposte dalla Brexit. Potranno partecipare però solo chi si è laureato in una "università eccellente" in giro per il mondo. Dall'elenco però sono state esclusi tutti gli atenei italiani considerati quindi non all'altezza in basse ai risultati nelle più prestigiose classifiche mondiali.