Lidl, uno stipendio per la laurea

Schermata 2013-02-21 a 14.14.47

 

La catena tedesca di supermercati offre ai giovani in procinto di diplomarsi formazione e carriera in azienda

“Vi piacerebbe poter studiare in un’università internazionale e contemporaneamente percepire un regolare stipendio per gettare le basi della vostra futura carriera”? È così che la compagnia di discount Lidl si appella giovani in procinto di ottenere un ottimo voto di diploma.

La catena di supermercati intende formare, infatti,  i futuri Capo Settore/Retail Manager presso una delle Direzioni Generali in Europa. Quindi mette in palio un’alternativa al consueto percorso universitario: la possibilità di conseguire una laurea triennale ad indirizzo Commercio Internazionale o Commercio dei beni di Consumo. Per tutta la durata del percorso formativo Lidl offrirà un regolare stipendio. I moduli teorici, che si svolgeranno presso le Università di Mosbach o Heilbronn  e si alterneranno a quelli pratiche ogni 3 mesi.

Quali sono quindi i requisiti dei prossimi neodiplomati? È richiesto un ottimo rendimento scolastico, soprattutto in matematica, tedesco ed inglese (parte delle lezioni si svolgeranno in queste due lingue); impegno e ottime capacità d’apprendimento; autonomia, intraprendenza e capacità di organizzazione; flessibilità, perseveranza e determinazione; mobilità; interesse per le lingue straniere e apertura verso le altre culture.

La data di inizio del percorso formativo è prevista per ottobre 2013 e le candidature rimarranno aperte fino al 31 marzo dalla pagina seguente:

https://www.lidl.it/cps/rde/xchg/SID-9A5525FC-746E7CBE/lidl_it/hs.xsl/4193_24857.htm

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Affluenza in calo: -7%. Contestato Berlusconi, polemica sulle "foto" dei grillini

Next Article

La prof che punta tutto su una donna al Colle

Related Posts
Leggi di più

Giovani italiani divisi tra Neet e piccoli imprenditori: in entrambi i campi abbiamo il record europeo

Rilevazione di Confartigianato sulla situazione lavorativa dei giovani nel nostro Paese. Ci sono 123.321 imprese artigiane con a capo un under 35 ma il rovescio della medaglia è rappresentato dal 23% dei ragazzi tra i 15 e i 29 anni che non studia e non lavora. In Campania e in Calabria sono 1 su 3. "Le aziende fanno fatica a trovare lavoratori con competenze digitali e green".
Leggi di più

Erasmus+, un partecipante su tre trova lavoro all’estero dopo il tirocinio

I dati di un'indagine svolta dall’Agenzia nazionale Erasmus+ evidenziano come oltre il 30% dei partecipanti ai programmi di formazione fuori dai confini italiani alla fine del percorso siano riusciti ad inserirsi nel mondo del lavoro dei paesi ospitanti. Quest'anno sono già 457 i progetti di mobilità individuale ricevuti.
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.